Luoghi

Eataly sbarca a Trieste per scoprire i prodotti della cucina friulana

Flaminia Scarpino
3 febbraio 2017

2

Sulle rive del porto triestino, famoso per gli scambi marittimi di prodotti d’eccellenza, qualche giorno fa ha aperto Eataly Trieste.

Il nuovo spazio Eataly si può dire che sia figlio del vento e del mare, perché è proprio a questi elementi che si è ispirato l’architetto dello studio Archea Marco Casamonti e la Fondazione CRTrieste per la ristrutturazione dell’Antico Magazzino Vini.

Sono tante le storie di venti che si incontrano con il mare e con le tradizioni, dando origine a materie prime di qualità e prodotti enogastronomici d’eccellenza: Eataly Trieste vuole raccontarle tutte, celebrando i prodotti figli del vento e la loro incomparabile bellezza”, ha spiegato il fondatore della catena Oscar Farinetti.

1

I 3000 metri quadrati dello storico edificio, costruito nel 1902 per lo stoccaggio delle botti provenienti dall’Istria e dalla Dalmazia, si sviluppano su tre piani, circondati da ampie vetrate, che affacciano sul bellissimo Golfo e sul Porto della città. Tra le immagini che ricordano la Barcolana – storica regata velica che si tiene ogni anno nel Golfo – e le installazioni di Sergio Staino dedicate ai quattro venti che accarezzano Trieste, si estendono gli scaffali con più di 4.000 prodotti, 5 punti ristoro, la caffetteria Illy, l’enoteca con oltre 1000 etichette vinicole e la scuola per i corsi firmati Eataly.

I ristoranti, che offrono specialità di terra e di mare valorizzando la cucina triestina, si suddividono tra il piano terra e il primo piano, offrendo una vasta scelta di prodotti salati e dolci. Nella sua città d’origine non poteva mancare il Gran Bar Illy che, situato vicino l’entrata del negozio, accoglie i clienti con buon caffè, prodotti Agrimontana e cioccolato Domori.

cover

Al piano inferiore si trovano invece l’Enoteca e La Scuola di Eataly Trieste. La prima offre una ricca proposta di vini, birre e spirits, firmati dai grandi nomi nazionali ma anche da piccoli produttori, mentre la seconda, con un’aula di 30 posti, si occupa di svolgere lezioni, corsi di cucina, degustazioni ed eventi, dedicati soprattutto a bambini e persone anziane in pensione.

Trieste negli ultimi anni è rinata, aggiungendo alla bellezza del patrimonio storico di impronta asburgica la dinamicità di una città moderna: Eataly, valorizzando i prodotti territoriali ma portando anche una ventata di aria fresca, ha rafforza l’unione di queste due realtà coesistenti nella città friulana.

 


Potrebbe interessarti anche