Fotografia

Electa Mondadori: Gianni Riotta incontra Steve McCurry

Jennifer Courson Guerra
16 giugno 2016

copertina-Mccurry

Si può raccontare un narratore? È questa la sfida intrapresa da Gianni Riotta: provare a raccontare l’universo espanso di uno dei più grandi narratori del XXI secolo, Steve McCurry. Esce per Electa Mondadori “Il mondo di Steve McCurry – Steve McCurry si racconta a Gianni Riotta”. Non è una biografia, né un’autobiografia raccontata, e nemmeno un saggio critico, come ha spiegato Riotta, ma “una lunga serie di conversazioni” con il fotografo statunitense.

McCurrry-stes_ok_aog_aog.indd

A cuore aperto, il fotoreporter ripercorre le tappe della sua vita, dall’infanzia piccoloborghese trascorsa nei sobborghi di provincia alle prime avventure da freelance, per arrivare poi al successo internazionale.
Il giovane McCurry comincia a penetrare in zone sempre più remote e difficili, come l’India, il Nepal, il Pakistan e l’Afghanistan; parallelamente impara a stare al mondo, e a immortalarne la purezza e le contraddizioni, lontano dalle luci artificiali degli studi. Sempre con quello sguardo profondo e intenso che caratterizza le sue opere e che lo ha consacrato a maestro della fotografia dei nostri tempi.

  • © SteveMcCurry, 2011 – I difensori della terra, Kenya

  • © SteveMcCurry, 1995 – Weligama, Sri Lanka

  • © SteveMcCurry, 1996 – Rajasthan, India

  • © SteveMcCurry 2005 – Jodhpur, India

  • © SteveMcCurry, 2014 – Buddismo, Yangon, Myanmar

  • © SteveMcCurry, 2014 – Progetto Lavazza Terra Etiopia, Etiopia

  • © SteveMcCurry, 2007 – Boy in Mid-Flight, India

  • © SteveMcCurry, 2001 – Giovani monaci giocano ai videogiochi, Monastero di Sera, Bylakuppe, India

Della sua opera più famosa, Ragazza afgana, racconta: “La ragazza dagli occhi verdi e il velo, col mantello color ruggine, la vidi immediatamente. Molto dopo appresi che si vergognava di quel velo, perché cucinando per la sua famiglia, sulla viva fiamma come là si usa, s’era bruciacchiato e sporcato, ma era l’unico che possedesse e doveva indossarlo, malgrado questo la imbarazzasse davanti alle compagne meno povere”. Questa e tante altre affascinanti storie sono riportate nel nuovo progetto editoriale che vede, oltre alla presenza di 51 fotografie, alcune delle quali inedite, anche interessanti scorci sul percorso professionale e di vita del grande maestro. Tra le preziosissime lezioni di fotogiornalismo – “Tempo ed esperienza mi hanno insegnato a chiedere sempre il permesso prima di usare la mia macchina fotografica” – spiccano il desiderio di immortalare i nuovi protagonisti della scena mondiale, come Obama e Papa Francesco, e le prospettive future del grande fotoreporter: “Mi vuoi chiedere infine che programmi ho, vero? Se progetto vacanze, pensione, come intendo vivere i prossimi anni? Non ho dubbi, camminare per una strada del mondo e scattare fotografie“.

 

“Il mondo di Steve McCurry – Steve McCurry si racconta a Gianni Riotta” di Gianni Riotta, con 51 illustrazioni (alcune inedite) di Steve McCurry, Mondadori Electa, pp. 356.

 


Potrebbe interessarti anche