Gossip

Ellen Page: il coming out che ha commosso gli Stati Uniti

Giulia Ruggeri
19 febbraio 2014

1392572131456.cached

“Sono qui oggi perché sono gay. E perché forse posso fare la differenza e aiutare altre persone come me a vivere una vita più facile. Mi sento investita di una responsabilità”.

Con queste parole l’attrice canadese, diventata celebre per l’interpretazione del film Juno di Jason Reitman che le è valso una candidatura agli Oscar, ha dichiarato la sua omosessualità.
Il giorno di San Valentino, dal palco del Bally’s Hotel di Las Vegas durante la conferenza Time to Thrive per il sostegno dei diritti lgbt, Ellen Page ha deciso di raccontare la sua verità con un discorso che ha toccato i cuori di molti.

AP_ellen_page_2_jt_140215_16x9_992

Davanti ad una platea alquanto commossa l’attrice ha parlato della sua adolescenza, della difficoltà e del dolore provati nel dover nascondere il suo orientamento sessuale.
Non sono mancati i riferimenti all’industria di Hollywood che, secondo Ellen, impone standard di bellezza, benessere e successo che le hanno impedito di essere quello che è, ferendola profondamente.

Ha dichiarato: “Ho cercato di resistere, di mantenermi autentica, di seguire il mio cuore, ma può essere davvero dura. Il mio animo ne ha sofferto, la mia salute mentale ne ha sofferto e le mie relazioni ne hanno sofferto. Ora non più”.

Ellen Page

Quello di Ellen è stato un discorso di liberazione, una decisione coraggiosa che non molti – personaggi dello spettacolo internazionale e non – tutt’oggi fanno.

“Ci meritiamo di vivere pianamente l’amore, allo stesso modo, senza vergogna e compromessi”.

Un vero e profondo incoraggiamento per tutti coloro che ancora vivono nascosti.

Giulia Ruggeri

Potrebbe interessarti anche