Moto

Energica EVA: la prima supernaked silenziosa

Alessandro Spada
8 dicembre 2016

Energica Eva the Electric Streetfighter

Energica Eva è la prima streetfighter 100% elettrica made in Italy. Prodotta nel modenese dalla CRP Technology, un’azienda specializzata nel settore del 3D Printing, questa innovativa “green-supernaked” è caratterizzata da linee tese, design aggressivo e un’elevata qualità costruttiva.

Le sospensioni e i freni sono prodotti da aziende italiane: rispettivamente Marzocchi (la forcella), Bitubo (il monoammortizzatore) e Brembo (i freni). Anche il cruscotto TFT a colori, dotato di GPS integrato, Bluetooth e sistema di connettività a lungo raggio (LTE-UMTS-GPRS), è fornito dalla COBO, azienda italiana leader in questo settore.

La moto non ha né cambio né frizione, il collegamento tra pilota e veicolo è completamente gestito da un sistema ride-by-wire, vale a dire da un acceleratore a controllo elettronico. In questo modo è possibile dosare in accelerazione la coppia motrice erogata dal motore e in decelerazione la coppia rigenerativa (freno motore).

Grazie a 4 riding modes (Urban, ECO, Rain e Sport) e a 4 mappe di frenata rigenerativa (Low, Medium, High e Off) si può adattare la moto a qualunque contesto di guida: sia per fare il classico tragitto casa-lavoro urbano, sia per la tipica gita sportiva tra passi di montagna e curve mozzafiato.

Il propulsore, che garantisce prestazioni da vera sportiva, è un motore asincrono a magneti permanenti raffreddato ad olio, in grado di sviluppare una potenza massima di 70 kW (95 cv) e un’incredibile coppia di 170 Nm.

La moto ha un’autonomia fino a 200 km, in modalità ECO, e può raggiungere una velocità massima di 200 km/h in modalità Sport.

Può essere tranquillamente ricaricata in poco tempo (all’80% in soli 30 minuti) grazie al sistema fast-charge di serie, sia outdoor attraverso le colonnine di ricarica, sia comodamente a casa.

Tutte le centraline della batteria, l’inverter, il caricabatteria e l’ABS (Bosch) sono costantemente monitorati e gestiti da una sofisticata Vehicle Control Unit.

Si tratta della prima vera moto sportiva elettrica realmente sfruttabile nella vita quotidiana.

Per chi fosse interessato all’acquisto di questo gioiellino, gli unici nei sono il peso elevato, a causa delle grosse batterie (circa 280 kg), e un prezzo d’acquisto davvero salato (oltre 25mila euro), giustificato in parte dall’esclusività del prodotto e dall’uso di materiali di alta qualità.


Potrebbe interessarti anche