Lifestyle

Entrecôte et frites, s’il vous plait

staff
2 dicembre 2011


Le Relais de l’Entrecôte, comunemente noto come L’Entrecôte, è un punto di riferimento a Parigi tanto quanto qualsiasi altro edificio storico.
Aperto da Marie-Paule Burrus, figlia del fondatore dell’iconico ristorante Relais de Venise nel 17° arrondissement, il gruppo di tre ristoranti che condividono lo stesso nome é una tappa obbligata per tutti i parigini alla ricerca di un pasto tradizionale a base di carne in qualsiasi giorno della settimana (è uno dei pochi ristoranti che sono aperti eccezionalmente anche la domenica sera), o per quei turisti che cercano sempre di mimetizzarsi tra i locali quando visitano una nuova città.
Il più antico ristorante nel gruppo è quello di St. Germain de Pres, nascosto in una stradina chiamata rue Saint-Benoît. Gli altri due si trovano in Rue Marbeuf (8 ° arrondissement) e in Boulevard du Montparnasse (6 ° arrondissement). Un quarto ristorante, sempre sotto la direzione di Marie-Paule, si trova a Ginevra.
I segreti del successo de L’Entrecôte sono molti. In primo luogo, l’assenza di un sistema di prenotazione. Questo alimenta la speranza di trovare un tavolo rapidamente, potendo così gustare un piatto delizioso senza aver dovuto aspettare troppo a lungo. Tuttavia, tenendo a mente la popolarità de L’Entrecôte, mangiare senza fare un po’ di coda è assolutamente impossibile.
Eppure, il pasto vale l’attesa.
Il secondo punto che ha determinato l’enorme successo de L’Entrecote è il fatto che viene servito solo un piatto: insalata come antipasto, bistecca (entrecote) e patatine fritte (patate), il tutto coperto da una deliziosa salsa, i cui ingredienti sono ancora praticamente sconosciuti. L’unica cosa lasciata alla scelta del cliente è il punto di cottura della bistecca e la carta dei dessert (incredibilmente varia, vale la pena provarne almeno uno, anche dopo un piatto principale cosi pesante).
Passando al tasto dolente – il prezzo – il ristorante è furbo: non essendoci un menu – ad eccezion fatta per il vino e i dolci – i clienti rimangono all’oscuro su quale sarà il conto fino all’ultimo. Verificando on-line, vari siti web oscillano tra € 21 (molto improbabile) a € 50 (prezzo possibile, a seconda del vino e dessert scelti). Per quanto mi riguarda, ogni volta che sono andata sono riuscita a rimanere tra i € 30 e i € 35, condividendo vino e dessert con gli amici.
Dal momento in cui si arriva al ristorante fino a quando si esce, tutto è parte dell’esperienza “Entrecote”. Fare la fila per mangiare una bistecca, insalata e patatine fritte può sembrare ridicolo, ma dopo aver assaggiato varie bistecche in giro per il mondo, posso garantire che questa é entrata a far parte della mia top-3.
I ristoranti non sono mai eccessivi nell’arredamento, anzi, la loro semplicità consente di concentrarsi unicamente sull’esperienza culinaria. I camerieri, tutti vestiti in uniformi tipicamente francesi (abito nero e grembiule bianco) aggiungono un tocco speciale a questa esperienza unica.

Ilaria Maria Sofia Gilardini


Potrebbe interessarti anche