Green

Eppur si muove: autostrade per biciclette

Marco Pupeschi
5 febbraio 2016

ù

È stata appena inaugurata a Mülheim an der Ruhr, cittadina della Germania occidentale, un’autostrada solo per biciclette. Si chiama Radschnellweg ed è la prima tratta di un percorso che dovrebbe collegare 10 città, tra cui Duisburg, Bochum e Hamm.

A regime, la Radschnellweg dovrebbe essere usata da oltre due milioni di pendolari, per un totale di cinquantamila automobili in circolazione in meno ogni giorno, con la conseguente riduzione di emissioni di CO2, polveri sottili e altri inquinanti.

Cicloturismo-Colli-Euganei1

E l’Italia? Il Belpaese non vuole essere secondo a nessuno quando si tratta di Green Economy. La ciclovia Alpe Adria è stata premiata “Pista ciclabile dell’anno 2015”: parte da Salisburgo e si snoda per oltre 100 chilometri in Friuli-Venezia Giulia, correndo in parte tra paesaggi montani mozzafiato su linee ferroviarie dismesse. Interessante poi è il progetto “Ciclovia Vento” un’idea del Politecnico di Milano per connettere Venezia e Torino unendo i 102 chilometri di piste ciclabili già percorribili ad altri tratti che potrebbero diventarlo con interventi abbastanza leggeri, per un totale di 679 chilometri.

Il governo italiano, con un emendamento presentato a dicembre scorso al Ddl Stabilità, ha approvato lo stanziamento di 94 milioni di euro in tre anni per la costruzione di questa e altre infrastrutture, come la Ciclovia del Sole (Verona-Firenze) e il Grande Raccordo Anulare delle Bici (Grab, Roma).
La mobilità a zero emissioni ci piace, le ciclovie molto di più. Forse perchè non c’è bisogno di telepass, tutor e autovelox, né di semafori o targhe alterne, o anche perché non si fanno code e ci si gode un bellissimo panorama immersi nella natura.


Potrebbe interessarti anche