Green

Expo 2015: quali saranno gli effetti positivi di lungo periodo?

Marco Pupeschi
15 gennaio 2016

Chicoverdose

Quali saranno i benefici di Expo 2015 nel lungo periodo per l’Italia? Sarebbe prematuro già adesso fare un bilancio definitivo, ma una cosa è certa, l’agricoltura italiana è diventata la più Green in Europa.
Attualmente l’Italia vanta il maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario per prodotti a denominazione di origine “Dop” e la leadership nel numero di imprese che coltivano biologico. A questo dobbiamo aggiungere la più vasta rete di aziende agricole a chilometro zero, la minor incidenza di prodotti agroalimentari con residui chimici fuori norma, e la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati. Dopo anni di crisi, nel 2105 i consumi alimentari degli italiani sono tornati a salire ma la notizia è che gli italiani privilegiano cibi salutari; in altre parole sta aumentando la consapevolezza dello stretto rapporto tra alimentazione e benessere. In Italia per cibi salutari si intendono quelli legati alla dieta mediterranea: +4% gli acquisti di frutta, +17% per l’olio di oliva, +1% ortaggi e pasta secca (Dati Ismea).

toscana_632qm.T0

L’agroalimentare è il secondo comparto manifatturiero del Made in Italy: una forza trainante per tutta l’economia italiana grazie alla positiva immagine sui mercati esteri dove il cibo Made in Italy è sinonimo di alta qualità. L’agricoltura in Italia vale 135 miliardi e nel 2015 le esportazioni agricole italiane hanno toccato quota 36 miliardi di euro (+7%).

F009575_Val_dOrcia3

Nell’anno di Expo 2015 a fronte di condizioni economiche positive dovute alla ripresa internazionale e a tassi di cambio favorevolissimi su mercati importanti, come quello statunitense, la nazione Green d’Europa esporta solo un quarto della propria produzione agricola? L’Italia è un paese Green, ma sarebbe più giusto dire che gli italiani sono popolo Green. Che il cibo buono sia solo il cibo sano noi lo sappiamo da sempre. Fuori dai confini italiani lo stanno imparando, grazie anche ad Expo 2015.


Potrebbe interessarti anche