Advertisement
News

Fare impresa al femminile: imprenditrici del Mediterraneo a confronto

Virginia Francesca Grassi
6 novembre 2012

Si svolgerà a Catania dal 9 al 10 novembre 2012, presso il Palazzo della Borsa in Piazza della Borsa, la seconda edizione di “Forum +, Donne d’Impresa del Mediterraneo – il turismo come energia di scambio culturale, sociale ed economico”. Tre giorni di incontri tra donne d’impresa italiane e del Mediterraneo meridionale, all’insegna del business, dell’innovazione e dello sviluppo sostenibile.

L’evento, promosso dalla Confcommercio Imprese per l’Italia, dalla Camera di Commercio di Catania e da quella di Torino, è stato fortemente voluto da Emma Bonino, Vice Presidente del Senato della Repubblica e Maria Luisa Coppa, Vice Presidente Confcommercio-Imprese per l’Italia e co-organizzato dall’Associazione “Non c’è Pace senza Giustizia” e da PAN Comunicazione.

Tra i partecipanti, inoltre, Raffaella Mandarano, Presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Catania, Anna Finocchiaro, ex Ministro, Presidente del Gruppo Parlamentare del Partito Democratico, Senato della Repubblica.

Oltre a decine di imprese rosa italiane e siciliane, hanno confermato la loro partecipazione anche molte imprenditrici e rappresentati della società civile di paesi del arabi e del Mediterraneo, tra i quali Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Tunisia e Iraq.

Un Forum internazionale di donne imprenditrici dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo che nasce con l’obiettivo di lanciare un segnale forte e concreto a favore di una imprenditorialità innovativa al femminile, in particolare rafforzando il legame creato tra imprenditrici del mondo arabo e imprenditrici italiane impegnate nel settore del turismo, offrendo loro occasioni di contatto ed interscambio di idee. Ma anche  una occasione preziosa per fare un punto sulle pari opportunità, sull’imprenditoria femminile e sul comparto del turismo.

“Le donne arabe hanno storicamente dimostrato una forza riformatrice, per molti aspetti rivoluzionaria, sapendo cogliere tutte le opportunità possibili per giocare un ruolo chiave nell’evoluzione del proprio Paese. Oggi, nei Paesi che hanno visto soffiare il vento della Primavera araba, le donne si ritrovano al centro di processi di transizione lunghi e complessi. Occorre quindi afferrare tutte le occasioni per insistere sulle libertà individuali, sull’uguaglianza – in termini di diritti e doveri – dinanzi alla legge. Per noi della sponda Nord del Mediterraneo, si tratta di offrire il sostegno e l’esperienza acquisita in decenni di lotta per la liberazione della donna, che resta un obiettivo e un’ambizione che ci accomuna” – ha dichiarato Emma Bonino.

Per ulteriori informazioni visita il sito www.forumplus.it


Potrebbe interessarti anche