Advertisement
Children's

Fashion Kids for Children in Crisis: i più piccoli sfilano sulla passerella della solidarietà

Martina D'Amelio
30 settembre 2012

Dopo una settimana all’insegna del lusso estivo che verrà, Milano Moda Donna ha deciso di chiudere in bellezza, con una sfilata di beneficenza. In passerella l’attualissima moda autunno-inverno 2012/2013… rigorosamente in taglie mini.
L’appuntamento con Fashion Kids for Children in Crisis, giunto alla seconda edizione consecutiva, è ormai un punto fermo della fashion week milanese. Grazie alla Camera  Nazionale della Moda Italiana e a Vogue Bambini, anche quest’anno le collezioni di importanti marchi italiani del childrenswear – a cominciare dallo sportswear di Bikkemberg Kids, per arrivare all’eleganza senza tempo di Fay Junior e I Pinco Pallino, fino al romanticismo di Laura Biagiotti Dolls, Miss Blumarine e Simonetta e al glamour di Roberto Cavalli Junior – sono scese in passerella, nella splendida cornice del Castello Sforzesco, per sostenere l’Associazione “Children in Crisis Italy Onlus”,  che difende l’istruzione dei bambini meno fortunati.

In particolare, l’intero ricavato (pari a 75mila euro) della manifestazione, presentata da Elenoire Casalegno, è stato devoluto a sostegno di due progetti: il restauro totale dell’aula di informatica dell’Istituto Sacro Cuore di Carpi, distrutta dal terremoto dello scorso maggio, e “Dalla parte delle bambine”, un’iniziativa volta a premiare tramite l’assegnazione di borse di studio le giovani scolare della Tanzania, per permettergli di frequentare le costose scuole secondarie.

La sfilata ha riscosso un grande successo di pubblico. Tantissime le mamme vip che hanno deciso di aderire, salendo in passerella, da Justine Mattera con i piccoli Vincent e Vivienne per il brand Simonetta, ad Alena Seredova per I Pinco Pallino e Vittoria Belvedere per Fay Junior, oltre a un ricco parterre: tutti d’accordo sul fatto che questa sia stata la più bella sfilata dell’intero calendario.
Un momento di gioco e allegria lontano dallo sfarzo patinato della fashion week milanese, ma anche un’occasione per conoscere da vicino le collezioni che sono attualmente vendute nei negozi, per uno shopping orientato, consapevole e soprattutto solidale.

 

Martina D’Amelio


Potrebbe interessarti anche