Fashion

Fashion Show Radiography: la sfilata Metamorfosi di Moschino

Mirco Andrea Zerini
22 settembre 2017

Jeremy Scott firma un nuovo capitolo alla guida di Moschino e presenta sulle passerelle milanesi la collezione donna primavera-estate 2018. Un universo variopinto ed eccentrico, in pieno stile Moschino, ha invaso la sala.

Boccioli fioriti? Eroine punk-rock degli anni ’80? Baby girl ribelli? Scopriamo insieme tutto ciò che c’è da sapere sullo show dell’estroso stilista.

Kaia Gerber apre lo show di Moschino.

Le modelle. Come di consueto, Jeremy ha scelto solo il meglio. Le sorelle Gigi e Bella Hadid – ormai popolarissime ed onnipresenti – sono state precedute questa volta dalla rivelazione del fashion month: Kaia Gerber. La figlia della top model Cindy Crawford ha aperto lo show con tutta la disinvoltura e la falcata della madre. Da tenere d’occhio!

La capsule My Little Pony. In collaborazione con Hasbro, Jeremy Scott ha portato in scena una divertentissima capsule collection ispirata ai celebri My Little Pony, una serie di pony giocattolo colorati e simpatici, divenuti popolari fra i più piccoli negli anni ’80. Arcobaleni, cavallini, nuvolette soffici e paesaggi incantati hanno invaso T-shirt, gonne, maglie oversize, tute ed accessori, già in vendita sul sito ufficiale del brand e nei flagship store.

Il logo della capsule collection My Little Pony, realizzata in collaborazione con Hasbro.

La collezione. Regina di fiori o étoile? La collezione di Moschino, dopo la presentazione dell’attesissima capsule collection, sembra traghettarci in un video di Madonna degli anni ’80. Chiodi in pelle borchiati, voluminosi tutù di piume colorate o di pizzo, calze a rete, cappellini e gioielli a catena, vistosi ed opulenti per una donna grintosa e di carattere, che ha calcato la passerella con la disinvoltura di una punk-rock girl e l’apparente innocenza di una ballerina classica.

Ma non finisce qui. Quando le luci si spengono e lo show sembra essere giunto all’epilogo, Jeremy Scott porta in passerella la metamorfosi delle modelle, trasformatesi in bouquet di fiori freschi. Calle, orchidee, rose, margherite e ranuncoli sbocciano su longdress e minidress, a metà tra il bucolico e l’irriverente.

I key pieces. Lo stilista ci manda un chiaro messaggio di ritorno ai mitici 80es. I must-have della prossima stagione? Sicuramente il chiodo, borchiato e non, il tutù in tulle o piume e gli accessori in pelle metallizzata, tra cui lo zainetto in versione mini e l’iconica borsa biker.

L’afterparty. In collaborazione con TIDAL e Vodafone Italia, Moschino ha allietato gli invitati con l’afterparty TIDAL X: Moschino, che si è tenuto presso l’Apollo Club di Milano. Ad animare la festa il DJ e produttore canadese Kaytranada, vestito proprio da Jeremy Scott.

Alla serata hanno potuto inoltre prendere parte alcuni fortunati clienti Vodafone, sorteggiati tra coloro che hanno attivato l’opzione Vodafone Music Pass o Vodafone Shake.

 


Potrebbe interessarti anche