Woman

Fashion Show radiography: l’Opera Chanel Metiers D’art ad Amburgo

Martina D'Amelio
7 dicembre 2017

Un altro fashion show spettacolare per Karl Lagerfeld, che questa volta sceglie la sua città natale per presentare la collezione Metiers D’art di Chanel. Tra top model, location e colonne sonore d’eccezione – oltre che abiti da sogno – ecco tutto quello che c’è da sapere sulla sfilata che ha (in)cantato Amburgo.

La location. Il Kaiser tradisce il Grand Palais in occasione della Metiers D’Art, ma questa volta, dopo Roma, Salisburgo, Dallas, torna a casa. Amburgo – la città dove è nato nel 1933 – è la location scelta per mostrare al mondo la sua speciale collezione. Per la precisione, l’Elbphilharmonie, con la sua struttura scenografica dagli oltre mille pannelli a specchio, è la cornice voluta dallo stilista per celebrare l’esclusiva Opera targata Chanel: la Filarmonica dell’Elba, l’imponente costruzione progettata come sala concerti da Jacques Herzog e Pierre de Meuron nel porto della città tedesca, accoglie nella Grand Hall (con 2.100 posti a sedere e un rivestimento realizzato da Yasuhisa Toyota) la linea Pre-Fall 2018 dedicata alle eccellenze e al savoir faire della casa di moda. Con tanto di orchestra live ovviamente, sotto l’occhio attento delle maestranze della Maison: le modelle hanno sfilato tra le gallerie e il loggione, fino al palcoscenico.

La collezione. Il racconto in musica di Lagerfeld vede come protagoniste eleganti marinaie – in onore al porto di Amburgo sul quale si affaccia proprio l’Elbphilharmonie. L’ispirazione per nulla nostalgica (nonostante il big coming back alle origini), viene direttamente dai container di quello che è considerato uno dei maggiori scali d’Europa. Reinterpretati dal designer per Chanel sotto forma di eclettici tailleur in tweed, paillettes e frange lurex, soprabiti glitterati, smoking in velluto, impalpabili gonne a balze, maxi culottes workwear, leather jackets con colli di pelliccia, casacche marine style, il tutto condito dai tipici bottoni a tema. E poi top senza maniche, dolcevita oversize, lupetti attillati, maglioni a coste e pencil skirt dai pattern geometrici che replicano proprio la struttura e i colori dei contenitori per le spedizioni più imponenti ai 4 angoli del globo. In chiave chic, ovviamente: da abbinare a guanti in tinta e copricapi da comandante che si allacciano sotto al collo con un nodo di tulle. Mary Jane a punta con fiocchi preziosi, bag e minaudière con catene e cristalli, oltre che sacche da marinaio iper cool completano il look: un mix inedito di eleganza e praticità, lussuoso sì, ma più indossabile del solito.

Key Pieces. Le collezioni Metiers D’art sono celebri per sfornare must-have – e anche questa non fa eccezione. Tra i pezzi imperdibili, la sacca big blu navy dal fondo matelassé, i cuissardes altissimi e le Mary Jane con applicazioni bow di pietre, la bag a forma di fisarmonica e la container clutch, i bangles decorati da ancore preziose, le cinture logo con catene intrecciate e le calze coprenti con banda velvet laterale. E per quanto riguarda l’abbigliamento, chi non vorrebbe subito uno di quei maglioni cozy color block nei tipici colori autunnali?

Le modelle e il front row. A calcare la passerella di Amburgo non sono mancate le top del momento, a partire da Kaia Gerber per arrivare a Greta Varlese, Vittoria Ceretti e Anna Ewers; e poi i modelli preferiti da Lagerfeld, il piccolo Hudson Kroenig con papà al seguito. Grandi assenti le sorelle Hadid, veterane degli show Chanel; in compenso, il front row ha visto la partecipazione delle muse Lily Rose Depp (figlia di Jonny Depp e Vanessa Paradis) e Kristen Stewart. E con loro, tra gli altri, Tilda Swinton e l’attore tedesco Lars Eidinger.

Rumors. Il ritorno a casa per il fashion system poteva significare solo una cosa: la fine di un’era – per la precisione quella di Lagerfeld da Chanel. Le voci su una possibile dipartita dello stilista dalle fila della Maison si rincorrono da tempo, ma lui non appare per nulla intenzionato a mollare, nonostante ci sia già chi vocifera nome di un possibile successore, Alber Elbaz. E la veneranda età (84 anni).


Potrebbe interessarti anche