Arte

Fattori protagonista a Padova

Elisa Monetti
7 novembre 2015

Fattori copertina

Giovanni Fattori sta alla pittura come Giovanni Verga alla letteratura, un curioso caso di omonimia che la dice lunga sull’Ottocento italiano.

Sarà il verismo del livornese a raccontarsi a Padova dal 24 ottobre 2015 al 28 marzo 2016: oltre cento dipinti a Palazzo Zabarella, scelti e organizzati secondo un filo cronologico e tematico dai più accreditati studiosi dell’artista, Francesca Dini, Giuliano Matteucci e Fernando Mazzocca.

Uomo semplice e schivo, Fattori si sente fin dall’inizio troppo stretto negli abiti della tradizione dell’accademia e già dai primi anni Cinquanta frequenta il Caffè Michelangelo, dove conosce quei giovani artisti divenuti nemici dei professori accademici e diventa subito uno degli esponenti di spicco del gruppo dei macchiaioli.

Con un pennello che non ha pari, racconta le piaghe della società del suo tempo: i contadini nei campi costretti a trainare buoi, ad irrigare la terra con le gocce del loro stesso sudore e gli stessi contadini che, con cavalli strappati dal lavoro dei campi, vengono trascinati alla guerra a combattere per cause spesso a loro oscure.

Fattori immagine 1

Tra le tele più celebri esposte a Padova ci saranno Il muro bianco (in vedetta) e Lo staffato, entrambi esempi perfetti della tecnica pittorica cara a Fattori: le divisioni degli ambienti in fasce di colore orizzontali sovrapposte, rivoluzionarie per la loro semplicità, e l’ardire di una composizione tutta sbilanciata verso un angolo che, trova il suo equilibrio nel bilanciamento di figure e paesaggio.

La sua mano cambia più volte nel succedersi degli anni: da una pittura dimentica di tutto se non delle sue macchie, a una più attenta a prospettiva e disegno, fino ad alcuni accenni precursori delle avanguardie.

Accanto a quella pittorica si troverà anche una sezione dedicata alla produzione grafica di Fattori, con alcuni fogli incisi in acquaforte su zinco che danno testimonianza della sua grandissima abilità in tale tecnica.

Non la buona e brava gente di mare del Verga, ma i contadini della Maremma si preparano a raccontarci una pagina della storia dell’Ottocento, immancabile!

 

FATTORI
24 ottobre 2015 / 28 marzo 2016
Palazzo Zabarella – Padova
Orari: martedì / mercoledì / giovedì / venerdì / sabato / domenica 9:30 – 19:00


Potrebbe interessarti anche