Fitch pronta a tagliare rating dell’Italia e di altri cinque Paesi

staff
16 dicembre 2011


L’agenzia di rating Fitch mette in credit watch negativo il rating di sei Paesi Ue: Italia, Spagna, Belgio, Slovenia, Cipro e Irlanda. L’agenzia di rating, si legge in una nota, ha messo tutti i rating dell’area Euro che avevano outlook negativo in creditwatch negativo, compiendo un altro passo verso il downgrade. L’azione non riguarda i Paesi che hanno la tripla A. La decisione di Fitch implica che i rating sono sotto revisione e sono soggetti ad una “alta probabilità di downgrade nel breve termine”. L’agenzia punta a completare la revisione dei rating entro la fine di gennaio 2012. In caso di downgrade, “sarà limitato a uno o due livelli”. Dopo il summit europeo del 9 e 10 dicembre, Fitch ritiene che “una soluzione complessiva della crisi del debito dell’Eurozona e’ tecnicamente e politicamente fuori portata”.
Fitch riconosce che i Paesi i cui rating sono soggetti a revisione “hanno intrapreso un significativo consolidamento dei conti e riforme strutturali e questi sforzi saranno tenuti in considerazione nella revisione”. In ogni caso, “la natura sistemica della crisi dell’Eurozona sta avendo un effetto profondo sulla stabilita’ economica e finanziaria”. L’annuncio di oggi riguarda quegli Stati sovrano “potenzialmente vulnerabili di fronte ad un peggioramento del quadro economico e finanziario esterno”.
Sempre Fitch conferma la tripla A per la Francia, ma l’outlook del rating è negativo. L’oulook negativo, evidenzia l’agenzia di rating, comporta una possibilità di abbassamento del rating del “50% nei prossimi due anni”. Secondo Fitch, la Francia è più esposta alla crisi rispetto agli altri Paesi dell’area euro che vantano una tripla A.

 

Fonte: ADNKronos