Fitness & Wellness

Fitness d’avanguardia con i Clubbells

Alessio Rinelli
3 febbraio 2014

Clubbells

Allenarsi con costanza, mantenendo le stesse modalità d’allenamento ed evitando interruzioni e variazioni è fondamentale per conseguire i risultati fisici auspicati. Altrettanto importante è tuttavia inserire modifiche nel programma d’allenamento atte a sconvolgere la routine, al fine di indurre il corpo, attraverso nuovi stimoli adeguati, ad affrontare tipologie diverse di sforzo, con il conseguente miglioramento del tono fisico. Fra i numerosi strumenti funzionali a questa logica di allenamento vi sono i clubbells – o indian clubs. Queste “clave” provengono dal passato, portano con sé tutto il prestigio di una valida tradizione: si tratta infatti di attrezzi impiegati fra il XIX e il XX secolo in Europa, nel Commonwealth britannico e negli U.S.A. Tali simpatici strumenti, a forma di birillo da bowling, sfruttano varie dimensioni e pesi – dai 2 ai 20 kg – per permettere allo sportivo diverse modalità di allenamento, favorite dalla versatilità dell’attrezzo.

I clubbels richiedono notevoli capacità statiche, ma una volta acquisita la tecnica incrementano velocemente la forza dello sportivo e potenziano flessibilità e capacità di presa. In particolare favoriscono lo sviluppo di braccia, spalle, sezione superiore di schiena e petto, ma soprattutto addominali. Anche la sezione inferiore del corpo risulta comunque coinvolta nell’allenamento.

I clubbells possono essere inseriti anche in un allenamento funzionale abbinati a kettlebell. Così forza  della presa, dei polsi e degli avambracci, insieme alla forza rotazionale dei muscoli, risultano implementate.

Vi starete chiedendo come impiegare correttamente questi strumenti dall’incredibile potenziale. Vi presentiamo allora alcuni video particolarmente validi nell’illustrazione delle principali tipologie di allenamento con clubbells!

Alessio Rinelli


Potrebbe interessarti anche