Fotografia

Foto sul set del grande regista Pier Paolo Pasolini in mostra a Milano Art Gallery

Rachele Martignoni
1 gennaio 2014

imm_01

Lo spazio culturale Milano Art Gallery offre al pubblico milanese fino all’11 gennaio 2014 una preziosa mostra fotografica dedicata al maestro del cinema italiano Pier Paolo Pasolini.

L’esposizione, organizzata da Salvo Nugnes, celebre manager culturale, raccoglie gli scatti del fotografo Roberto Villa, realizzati nel 1972 sul set del film di Pasolini “Il fiore delle mille e una notte”.

imm_04

Negli anni ’70, infatti, Roberto Villa, mosso dal desiderio di analizzare il tema del linguaggio cinematografico, fu invitato a recarsi sul set del film che il grande regista italiano da lì a breve avrebbe girato in Oriente, nello Yemen. Il soggiorno del fotografo durò 3 mesi e il risultato fu una raccolta fotografica di 8mila scatti in analogico su pellicola.

Art Gallery espone oggi 40 di quelle migliaia di scatti. Lo spettatore noterà senz’altro che ogni immagine segue dei canoni ben precisi, simili a quelli della pittura, sinuosi e perfetti, e che le inquadrature sono caratterizzate da una decisa armonia pittorica. Siamo trasportati sul set cinematografico e nell’atmosfera orientale dello Yemen, luogo dove i costumi degli attori, come le macchie bianche, blu, e violacee della tavolozza di un pittore, ci regalano un’esperienza cromatica unica.

imm_11

La presenza di Pasolini, poi, con i suoi occhiali spessi e la sua cinepresa, emerge in ogni composizione, come per ricordarci il motivo per il quale siamo capitati in quel luogo.

Le foto di Villa sono così approdate a Milano, dopo aver già visitato alcune tra le più importanti città del mondo, quali Buenos Aires, Los Angeles e Tallin, pronte per essere scoperte da amanti del cinema, della fotografia e soprattutto della grande magia di quello che è stato uno dei più grandi maestri del Cinema italiano.

imm_18

Dal 23 dicembre 2013 fino all’11 gennaio 2014
Milano Art Gallery – Spazio Culturale
Via G.Alessi 11
Milano
www.milanoartgallery.it

Rachele Martignoni


Potrebbe interessarti anche