Destinazioni

Fuga fuori stagione nei borghi abbarbicati delle Cinque Terre

Maria Laura Zucchini
11 maggio 2017

Sono queste cosiddette mezze stagioni che dovrebbero essere sfruttate per visitare e scoprire luoghi che in altri periodi dell’anno sono meta di tanti turisti e perdono immancabilmente il loro fascino. Uno tra questi è sicuramente il Parco Nazionale delle Cinque Terre, riconosciuto dall’UNESCO come Patrimonio mondiale dell’umanità, che si snoda lungo la costa ligure e comprende cinque paesini arroccati sul mare: Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso. Ogni borgo ha le sue particolarità e ciò che vi colpirà maggiormente sono gli scorci estremamente pittoreschi di cui rimarrete incantati: il mare, i colori pastello delle tante casette e il verde dei vigneti adiacenti disposti su chilometri e chilometri di terrazzamenti.

Partendo da est si incontra Riomaggiore: si sviluppa interamente in verticale con al centro una piccola insenatura di mare in cui sono attraccate le barchette in legno dei pescatori. A pochi passi troverete Enoteca Dau Cila, un piccolo ristorante con terrazza sul mare che rispettando i sapori della tradizione vi proporrà ottimi piatti in una cornice davvero unica.

Da qui ha inizio un magnifico itinerario pedonale che giunge sino a Manarola ed è stata chiamata “La Via dell’Amore”, una gita panoramica che vi farà apprezzare maggiormente il fascino di queste terre. Questa seconda località è interamente costruita sulla roccia sfruttando la sua naturale ripidità, La Torretta Lodge è il luogo ideale in cui soggiornare e godere la vista mozzafiato della baia dalle diverse terrazze in un ambiente moderno ed elegante. Sarà impossibile non perdersi tra gli affascinanti vicoli e le piccole botteghe che ospitano ma una sosta obbligata è la nota Trattoria da Billy, dove gustare il pesce del giorno e i prodotti dell’entroterra, magari al tramonto dal suo balcone sul mare.

Terza frazione è Corniglia che, a differenza delle altre, non è situata sul mare ma si trova su un promontorio circondato da vigneti, si può raggiungere anche a piedi percorrendo una lunga scalinata, la cui salita sarà lautamente ricompensata da un tipico aperitivo a base di focaccia ligure e un bicchiere di vino al Bar Terza Terra in un’ambiente unico durante le ore del tramonto.

Volgendo verso la quarta località, incontriamo Vernazza, sovrastata dal Castello Doria. Il borgo appare più nobile ed elegante rispetto alla vicine terre, probabilmente per merito delle decorazioni architettoniche e dei porticati che testimoniano una passata prosperità del paese. Per un soggiorno confortevole ed elegante, La Malà Camere di Charme si presta perfettamente con le sue stanze a tema che traggono i colori del panorama su cui affacciano.

Come meta ultima e la più occidentale, troverete Monterosso, borgo medievale sovrastato dall’unica torre superstite, che ospita diversi monasteri e santuari risalenti a XIV secolo. Qui si trova anche una sottile lingua di sabbia attrezzata per la balneazione, dove fuori stagione potrete rilassarvi e godervi una quiete senza tempo.

Per apprezzare al meglio questo territorio straordinario, potrete usufruire di una linea ferroviaria che ferma in ogni località oppure – per gli amanti di escursionismo – potrete imbattervi ne “ La Via dei Santuari” che attraversa tutti cinque i borghi seguendo l’antico e suggestivo itinerario che, aldilà dell’aspetto spirituale, permette di ammirare il panorama mozzafiato a stretto contatto con la natura tipicamente mediterranea della zona.


Potrebbe interessarti anche