Interviste

Fuga in città: la Milano di Arnalda Gourmet

Carlotta Molteni
10 giugno 2015

IMG_2399

Il passaggio è stato graduale: passione coltivata fin da piccola, ma comunque lasciata in secondo piano per via degli studi e la carriera nel mondo della moda, ora l’amore per la cucina, il buon cibo e la cura per il dettaglio permeano la vita di Giulia Marelli, nome e volto dietro ad Arnalda Gourmet.

Una breve, ma entusiasmante ed eclettica, guida da sogno per vivere le giornate milanesi attraverso la lente dell’obiettivo di Giulia.

Angoli milanesi, tra icone e nuove proposte:
Partendo dalla colazione, Gattullo per le piccole paste ed i panini, mentre per un caffè e brioche al volo Riad Food Garden , in Viale Piave 17, luminoso, verde ed arioso. Omaggiando i classici meneghini, si può optare per una brioche alla ricotta fresca dai fratelli Freni, al 5 di Via Chiossetto, oppure una visita da Marchesi e Cucchi.

Per una cena tra amiche e tra sapori orientali, Giulia consiglia Wang Jiao, a scelta uno dei quattro locali della medesima insegna, mentre per una cena prettamente coreana, nuova scoperta e nuova passione della stessa, un takeaway d’eccezione quale Bab, in Via San Marco 34, ove scegliere tra gustosissimi kimbab e noodles.

Per l’ora dell’aperitivo, il Gin tonic di Rebelot, in Ripa di Porta Ticinese, è tra la vasta offerta, un’ottima alternativa, oltre a Dry, novella istituzione ospitata da Via Solferino, o al conviviale ed informale chiringuito di Piazza Mentana.

IMG_2400

Acquisti, food e non solo:
Per prelibatezze non reperibili tra gli scaffali dell’Esselunga, dove Giulia ammette di rifornirsi anche per gli shooting fotografici, la drogheria Soana, per l’aceto balsamico, per il tè si opta per L’essenza del tè, in Via Cerva 12. Il Food Market nel cuore del multistore Excelsior offre invece una caleidoscopica scelta di fiori eduli, per impreziosire ed esaltare qualsiasi pietanza.

L’enoteca dove servirsi per liquori o superalcolici è Peck, per il vino Giulia consiglia di seguire Caràvine per gustare vini all’ombra del wine truck, promotore della cultura del vino, in particolare l’offerta di giovani produttori italiani, regolarmente cambiata perché l’esperienza enogastronomica possa essere varia e per conoscere nuove etichette.

Tra gli indirizzi di Giulia vi sono anche l’iconica boutique di Uberta Zambeletti, Wait and See, in Via Santa Marta 14, e Les Garçons de la Rue di Via Lagrange, anche solo per respirarvi l’aria eclettica ed audace, o per un taglio sedute accanto ad una futura capigliatura rosa.

Una giornata ideale all’ombra della Madonnina:
Innanzitutto che sia un sabato: iniziando con una colazione in pasticceria, la lista di indirizzi tra cui scegliere è lunga, un luogo dove poter sfogliare il giornale, passando poi per il parco, per una passeggiata assieme alla fedele cagnolina Topi, e magari dirette verso un mercatino o alla scoperta di nuovi angoli meneghini limitrofi a Paolo Sarpi o tra Via Casati e Porta Venezia.

Sempre aggiornato ed illustrato, il Blog di Giulia non potrà che deliziare ed affamare i suoi lettori, che segue i passi del suo percorso, la cui prossima tappa sarà la Scozia, viaggio alla scoperta della natura, dei laghi e dei luoghi incantati della verde nazione, oltre naturalmente dell’offerta gastronomica ricca ed indimenticabile.


Potrebbe interessarti anche