Leggere insieme

Gatta vagabonda e mici girovaghi

Marina Petruzio
2 febbraio 2014

marina

Certo, tutto è molto più semplice quando si può girare per il mondo, fermarsi dove pare, per il tempo che pare. Quando partire oggi o domani è solo questione di dettagli, quando basta un fagottino e la voglia di partire, quando ci si sposta animati dalla passione del viaggio alla ricerca di paesaggi e persone nuove da conoscere.
Certo, quando si deve badare solo a sé stessi ci si può anche permettere di non saper dove dormire la sera! Soprattutto se si è gatta, e vagabonda per di più!!

“La gatta” vagabonda è il nuovo titolo della collana I Tradotti, edito da Sinnos Editore. Una fiaba Estone pubblicata con il sostegno del Centro per la Cultura Estone. La collana presenta titoli stranieri inediti e sul comunicato stampa si legge: I Tradotti – Degli altri quello che ci piace di più.
Che bella libertà! Che possibilità di scelta fuori da ogni schema!
E direi che la gatta protagonista di questa storia è abbastanza allineata a questa scelta.
Si sposta per il mondo felice, motivata dal piacere di conoscere luoghi e persone, di poter apprendere usi e costumi e di tenere con sé quello che di questi incontri più le piace.
Ma ad un tratto bisogna fermarsi, c’è bisogno di una casa: arrivano dei gattini!!! E c’è un problema: la gatta vagabonda non ha più una casa, il mondo è la sua casa; ma dei gattini hanno bisogno di un luogo sicuro dove nascere e stare il tempo necessario per crescere quel che basta per cominciare a metter il naso fuori casa. Un luogo tranquillo e sicuro…
Sarà proprio un luogo inusuale, un nido di cicogna abbandonato, alto su un palo, lontano da predatori di ogni specie e così vicino al cielo, la casa ideale per fermarsi un po’ con i suoi cuccioli prima e dopo la nascita. Per accudirli, nutrirli e proteggerli, prima di ripartire per il mondo tutti assieme in groppa ad un elefante.
Dove andranno mai? Chi altro li starà aspettando?

Impariamo così da una gatta vagabonda quanto è importante conoscere, quali risorse possono essere gli altri di qualsiasi specie ed origine. Un nido non è certo una tana gattesca, un gatto non saprebbe neppure costruirlo, eppure la gatta riconosce a questi uccelli laboriosi la capacità di sapere bene dove tenere al sicuro i propri bambini. Almeno sino a che non piove! Nell’elefante l’animale vede il miglior modo per spostarsi a grandi passi e compiere lunghi percorsi in poco tempo.
Le capacità di ognuno possono essere d’aiuto ed utili agli altri.
Nei nomi differenti da quelli usati d’abitudine tra i propri simili ecco il ricordo di un amico conosciuto in un altro paese, per ricordarlo, per ricordare cosa ha significato conoscerlo, proprio lui, proprio in quel momento: Tigre, Ghiro, Orso e…Gatto, sono questi i nomi scelti per i cuccioli appena arrivati.

La casa editrice Sinnos è nata nel carcere di Rebibbia nel 1990. Danno vita al progetto un gruppo di detenuti ed alcuni volontari della cooperativa Sinnos attiva all’interno del carcere.
Stampare libri per bambini quando magari si è lontani non solo fisicamente perché in un carcere ma anche geograficamente perché espatriati dai propri Paesi d’origine, è stato forse un modo per essere più vicini.
Stampare albi illustrati che favoriscano la conoscenza di altri usi e costumi, di altre culture, di altri bambini diversamente fortunati diventa un modo per creare un ponte tra dentro e fuori.
Per creare un mondo dove l’intercultura porti a pensare che un nido di cicogna possa essere utile in quanto casa altra.
Nel 2007 la casa editrice si aggiudica il Premio Andersen come miglior motivazione al progetto editoriale e culturale: un progetto ricco, composito ed eticamente coraggioso, interculturale e bilingue, capace di trattare temi di interesse sociale tra i più vari, dalla Costituzione alle difficoltà di lettura, alla mafia, ai diritti dei bambini, mettendo a punto non solo un font ma un progetto editoriale di cui leggerete sicuramente presto su queste pagine. Un progetto prezioso da seguire con molta attenzione.

Marina Petruzio

La Gatta vagabonda
di Aino Pervik e Catherine Zarip
Tradotto da Daniele Monticelli
Ed.: Sinnos – www.sinnos.org
Collana: I Tradotti
Euro: 9,50
Età di lettura: dai 5 anni


Potrebbe interessarti anche