Gaza, dopo sette giorni di raid aerei, oltre 170 morti

Davide Alessandro Giannattasio Fanigliulo
15 luglio 2014

Continuano i bombardamenti israeliani lungo la striscia di Gaza, arrivando ormai a una stima di 1230 feriti e  172 morti tra donne, uomini e bambini, con oltre 17.000 persone costrette ad evacuare le proprie dimore. Durante la notte infatti sono continuate le operazioni militari e i bombardamenti contro le postazioni di Hamas.

ISRAELE : ATTACCO AEREO SU GAZA /  FUNERALI VITTIME

Lunedì mattina, alle prime ore dell’alba, raid e colpi di artiglieria hanno distrutto tre strutture di formazione del braccio militare di Hamas, le Brigate di Ezzedin al-Qassam, sembrerebbe però senza alcuna vittima. Distrutti alcuni edifici a Gaza City, Deir el-Balah, nella parte meridionale della Striscia, e nella città costiera di Jabaliya. In Cisgiordania, gli israeliani hanno arrestato almeno cinque deputati del movimento islamista a Nablus e Jenin, colpendo così Hamas.

copertina

Dal territorio palestinese sono contemporaneamente partiti 10 razzi verso Israele: 8 nel sud del paese e due nei Territori Palestinesi. Sembrerebbe inoltre che nella giornata di Domenica siano stati lanciati più di 130 proiettili verso Israele: 100 di questi caduti e 22 intercettati dall’Iron Dome, sistema di difesa antibalistico in dotazione dall’esercito israeliano. In totale, sono stati più di 800 i colpi di artiglieria sparati dall’inizio delle ostilità.

foto 3

Nel frattempo Israele ha mobilitato fanteria e blindati intorno alla striscia di Gaza in attesa di un’imminente invasione terrestre, anche se la stampa ufficiale ha affermato che questa non avverrà prima di 2 giorni. In realtà truppe speciali israeliane sono già penetrate nella Striscia con l’obiettivo di distruggere l’arsenale di Hamas e rendere facile e sicuro l’accesso alle truppe terrestri. Contemporaneamente dalla Striscia di Gaza è stato fatto partire, per la prima volta, un drone verso il territorio israeliano che però ha avuto vita breve in quanto subito intercettato ed abbattuto sui cieli di Ashdod.

Davide Alessandro Giannattasio Fanigliulo