Gossip

George Clooney: “A Hollywood serve più diversità”

Flavia Rita Grotta Roldan
20 gennaio 2016

'O Brother, Where Art Thou?' 15th anniversary screening

Anche George Clooney si unisce al coro di polemiche lanciato da Jada Pinkett Smith e Spike Lee, che hanno scelto di boicottare la cerimonia di premiazione degli Oscar per la totale assenza di attori di colore tra le nomination.
L’attore statunitense, infatti, crede che il mondo di Hollywood dovrebbe offrire maggiori opportunità alle minoranze ed incoraggiare l’ascesa delle diversità etniche.
Con una lettera aperta e pubblicata da ‘Variety’, Clooney ha dichiarato: “In confronto a 10 anni fa, l’Academy sta facendo un buon lavoro. Pensate a quanti afro-americani sono stati nominati. Ma lasciatemi porre la questione in altri termini: quante possibilità sono alla portata delle minoranze nei film? E mi riferisco, ai film di qualità? Dovrebbero esserci 20, 30 o 40 film di qualità, papabili per gli Oscar. Comunque, ci stiamo solamente concentrando sugli afro-americani. Per gli ispanici, è ancora peggio. Hollywood deve migliorare in ciò“.
L’attore ha aggiunto: “Guardiamo alle nomination passate. Penso che attorno al 2004, ci siano stati molti attori di colore candidati, come Don Cheadle e Morgan Freeman. E poi tutto ad un tratto, è come se ci stessimo muovendo verso la direzione sbagliata. Ci sono molte nomination mancate. C’erano quattro film quest’anno: ‘Creed’ poteva essere nominato; per ‘Concussion’ Will Smith meritava una nomination; Idris Elba poteva essere nominato per ‘Beasts of No Nation’ e ‘Straight Outta Compton’ meritava almeno una candidatura. La stessa cosa è successa l’anno scorso con ‘Selma’ e la regista Ava DuVernay. Penso che sia stato ridicolo non nominarla“.
Inoltre George pensa che ad Hollywood non esistano solamente differenze razziali, ma anche di genere.
Dovremmo fare i conti con alcuni aspetti. Penso sia straordinario il fatto che negli Anni ’30 già ci fossero molte donne nei film. E adesso ci sono donne over 40 che non trovano ruoli da protagonista – ha polemizzato la star hollywoodiana – Stiamo assistendo anche a delle proteste. Jennifer Lawrence e Patricia Arquette hanno urlato il fatto che ci sia disparità di trattamento in fatto di retribuzione e che tutti noi dovremmo prestare più attenzione a questi aspetti“.


Potrebbe interessarti anche