Arte

Giorno dei Morti: l’arte sorge dagli Inferi

staff
9 dicembre 2012

Una delle più importanti celebrazioni del folklore messicano incontra una ricca e moderna organizzazione in uno splendido connubio edificato sul suolo creativo dell’arte. Installazioni, dipinti e ofrendas, piccoli altari domestici tipici, vengono esibiti per offrire degna rappresentazione del Giorno dei Morti. É questa la sintesi pienamente realizzatasi nella mostra “Hanal Pixàn food for the souls: Día de los Muertos 2012”, aperta sino al 16 Dicembre 2012 presso il National Museum of Mexican Art di Chicago.
Tale museo intende promuovere la conoscenza della cultura messicana negli U.S.A. e, mediante l’esposizione da noi presentanta, realizza egragiamente tale obiettivo.
Il Día de los Muertos è una espressione particolare di festa dei defunti tipica della cultura messicana, diffusasi attualmente anche nel sud-ovest degli Stati Uniti. Le celebrazioni, che si svolgono dal 1 al 2 novembre, coincidono con le feste cristiane di Tutti i Santi e della Commemorazione dei defunti. I festeggiamenti del Giorno dei Morti sono molto sentiti e si rifanno alle tradizioni precolombiane successivamente inglobate nella ricorrenza cattolica. L’approccio solare e festoso a una commemorazione avvertita in Europa con una sensibilità mesta e riflessiva risponde a due ragioni essenziali: in primo luogo ad una finalità apotropaica, diretta ad allontanare dai viventi il timore nei riguardi della morte; in seconda istanza ad una sacralità consapevole della circolarità dei processi cosmici e della necessità del trapasso in funzione della rinascita.
Musica, spettacoli e ricche cene divengono in questo contesto materiale creativo per l’arte popolare, tanto che l’intera celebrazione pare assumere qualità estetica. É questa dimensione feconda e multiforme ad essere protagonista dell’esposizione statunitense, dedicata quest’anno all’artista Francisco G. Mendoza.
Numerosissime le opere e i partecipanti, provenienti anche dall’ Universidad Autònoma dello Yucatàn.
Uno solo lo scopo: offrire supporto analitico ad un fenomeno popolare di autentico valore, tanto sotto un profilo artistico, quanto spirituale e culturale.

Luca Siniscalco


Potrebbe interessarti anche