I nostri blog

Gli errori-orrori più comuni nel make up delle italiane

staff
13 giugno 2012

Un pò per lavoro un pò per inclinazione personale, tendo a guardare sempre con molta attenzione l’aspetto di una persona, in particolare quello del viso.  E, spesso, mi capita di pensare come le donne riescano ad imbruttirsi con mise improbabili e facce ‘pastrocchiate’. Il make up risulta ancora, per molte, un campo minato, totalmente sconosciuto. Il problema più frequente non é quello di non truccarsi abbastanza (sfido chiunque ad essere bellissima senza un filo di trucco, a meno che di cognome non fai Bellucci), ma proprio l’opposto: eccedere! Vorrei segnalarvi quelli che, per me, sono gli orrori più eclatanti con i quali é possibile scontrarsi ogni giorno qua e là.
Fondotinta di tre tonalità più scure. Tipico più di un vino doc, il pensare comune per l’italiana media che il fondotinta serva a “colorare/scurire” la pelle. Sfatando un mito molto diffuso nel mondo, non tutte le donne mediterranee hanno una carnagione olivastra, molte di noi sono pallide, che ci volete fare, ci sono disgrazie peggiori. Ma impiastricciarsi il viso con fondotinta che sembrano presi in prestito dalle modelle di colore, non risolverà il problema. Vogliamo parlare, poi, di quella antiestetica riga che si forma alla base del collo?Sorvoliamo, per carità. Scegliete sempre il fondotinta del colore il più possibile vicino al vostro tono naturale della pelle: servirà ad uniformare le naturali discromie del viso e a camuffare le imperfezioni. Il risultato sarà molto naturale e chissenefrega se siete chiare.
Eye line chilometrico.  Seconda per frequenza, ma non per importanza, l’abitudine di farsi righe di eye liner che, come i rotoloni Regina, sembrano non finire mai. Se il vostro stile di eye liner é tale che, quello di Cleopatra, vi sembra da dilettante, vi do una  notizia in esclusiva: é morta 5000 anni fa, non vi pare di essere un tantino fuori tempo massimo? L’eye liner o, semplicemente, una riga sottile di kajal completa e definisce ogni sguardo, donandogli maggiore profondità. Se applicato senza criterio, rischia di essere scambiato per un trucco di Carnevale. Anche in questo caso un pò di sana moderazione non guasterebbe.
Riga del contorno labbra in evidenza. Non é diffusissimo, ma mi capita ancora di
vederlo: una brutta riga più scura di tre tonalità rispetto al rossetto che traccia tutto il contorno delle labbra, é di una volgarità inaudita. Perché lo fate?Non capisco!Eppure mi sembra così chiaro che, per ogni rossetto, corrisponde una matita per labbra che, se non della tonalità identica, gli si avvicina comunque molto.
Unghie da matrigna cattiva. A meno che non le abbia richieste il vostro compagno a cui piace fare del sesso violento, quelle unghie delle mani lunghe e affilate per fortuna le abbiamo lasciate agli anni 80. Anche non considerando che si corre il continuo rischio di graffiarsi, mi viene da pensare che non devono neanche essere il massimo dell’igiene. Nell’epoca delle unghie in gel, crescite esagerate sono nettamente out. Meglio optare per una manicure più sobria, corta ma curata, magari con un bello smalto scuro, che fa sempre tanto chic.

Pimp my face
pimpmyface.it