Gli uomini pensano più al sesso che al cibo

staff
1 dicembre 2011


Ogni giorno gli uomini pensano al sesso più spesso delle donne ma un nuovo studio suggerisce che danno la stessa importanza anche ad altri bisogni biologici, come il mangiare e il dormire, più frequentemente delle donne.
E’ una ricerca dell’Ohio State University che scredita lo stereotipo persistente che gli uomini pensino al sesso ogni sette secondi, il che equivarrebbe a più di 8mila pensieri sessuali in 16 ore di veglia. Mentre le donne arrivano a una media di quasi 10 pensieri sul sesso al giorno. Ma i maschi dedicano al cibo oltre 18 pensieri quotidiani che scendono ad 11 se l’oggetto della mente è il dormire mentre per le donne rivolgono l’attenzione alla tavola 15 volte e al ‘cuscino’ 8 volte. Sostiene Terri Fisher, docente di Psicologia all’Ohio University e a capo del team di ricerca che “va corretto questo stereotipo sui pensieri sessuali degli uomini, la frequenza dei pensieri a ‘luci rosse’ varia a seconda di specifiche variabili biologiche e psicologiche”. Lo studio sarà pubblicato nel prossimo numero del ‘Journal of Sex Research’ e ha coinvolto 163 donne e 120 studenti universitari maschi tra i 18 e i 25 anni. Di questi, 59 sono stati assegnati in modo casuale per tracciare pensieri sul cibo, 61 sul sonno e 163 di sesso. Prima di passare al vero test, i partecipanti hanno completato una serie di questionari che monitoravano l’orientamento positivo o negativo verso la sessualità, il comportamento sessuale e i livelli di desiderio, le abitudini alimentari e la scala sonnolenza.

 

Fonte: Agi