Green

Green Stories: Rossano Ercolini, Premio Goldman per l’ambiente 2013

Marco Pupeschi
14 febbraio 2014

Rossano-Ercolini-620x350-586x330

Il Premio Goldman per l’ambiente è un premio assegnato ogni anno ai movimenti ambientalisti ed è universalmente conosciuto come Premio Nobel Green.

Per il 2013, è un piacere ricordare che è stato assegnato al nostro Rossano Ercolini, ma ancor più interessante e vera sorpresa è scoprire la sua storia.

Rossano-Ercolini_-Credit-Goldman-Environmental-Prize_3

Ercolini non è un politico o un imprenditore di successo: è maestro nella scuola elementare di Capannori, un comune in provincia di Lucca, in Toscana. Tutto è iniziato nel 1994, quando a Capannori fu proposto di costruire un inceneritore: alla notizia, Ercolini comprese che la sua responsabilità di educatore era anche quella di proteggere il benessere dei suoi studenti.

Rossano-Ercolini_-Credit-Goldman-Environmental-Prize_5

Iniziò così ad organizzare riunioni nel municipio di Capannori, coinvolgendo scienziati ed esperti per condividere le informazioni sui pericoli di un inceneritore, nonché i vantaggi economici e ambientali della politica Rifiuti Zero” che trasforma materiale usato in nuovi, utili prodotti.

Un anno dopo, il Comune ha iniziato ad attuare un nuovo sistema di raccolta che, ad oggi, ricicla l’82% dei rifiuti della città, inoltre tutta la provincia di Lucca è libera dagli inceneritori a seguito della chiusura dei due impianti esistenti.

ercolini-rifiuti-zero-obama

Ercolini si sta anche occupando del panorama generale italiano, collaborando con aziende per ideare e produrre confezioni ecofriendly che generino meno rifiuti. Un esempio su tutti: la partnership con il più grande produttore di caffè in Italia, Lavazza, per sviluppare versioni riutilizzabili di capsule monouso per caffè espresso.

2436n1

Grazie alle campagne dei movimenti guidati da Ercolini per educare le comunità sui benefici del “Rifiuti zero – zero sprechi”, 40 inceneritori sono stati già demoliti o spenti e 117 comuni (dove abitano 3 milioni di cittadini) si sono uniti a Capannori nel perseguire l’obiettivo.

Gli sforzi di Ercolini sono stati poi la scintilla per la nascita di una rete “Zero Waste” in tutta Europa, a cui aderiscono paesi come Inghilterra, Estonia, Spagna e Danimarca.

Marco Pupeschi


Potrebbe interessarti anche