Advertisement
Biennale di Venezia 2012

Gucci alla Biennale del Cinema di Venezia

staff
29 agosto 2012

Gucci, in collaborazione con la 69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, ha annunciato le nomination per il premio annuale che celebra il merito artistico di una donna nel cinema: il Gucci Award for Women in Cinema.
In concomitanza con la proiezione de Il Caso Mattei, del regista Francesco Rosi, sottoposto a un restauro digitale grazie alla collaborazione tra Gucci e The Film Foundation, il secondo premio annuale sarà presentato il prossimo 31 Agosto alla 69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia.
Il film di Rosi è stato restaurato in digitale 4K dalla Cineteca di Bologna, presso il laboratorio l’Immagine Ritrovata, in associazione con the Film Foundation, Paramount Pictures, il Museo Nazionale del Cinema di Torino e con il sostegno straordinario dell’Eni.

 

Le candidate al Gucci Award for Women in Cinema sono state selezionate da un Advisory Committee guidato da Alberto Barbera, Direttore Artistico della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, tra differenti discipline che includono la regia, la recitazione, la produzione, la direzione della fotografia, la sceneggiatura, il montaggio e i costumi.

 

Le candidate sono:
– Colleen Atwood: costumi, SNOW WHITE AND THE HUNTSMAN
– Nadine Labaki: regia, WHERE DO WE GO NOW?
– Brit Marling: recitazione, ANOTHER EARTH
– Sharmeen Obaid-Chinoy: regia, SAVING FACE
– Thelma Schoonmaker: montaggio, HUGO

 

Una giuria presieduta dal Direttore Creativo di Gucci, Frida Giannini, sceglierà la vincitrice finale all’interno di questa rosa di donne illustri. Accanto alla Giannini in giuria compariranno: l’attrice Zoë Saldana; il regista e sceneggiatore Paolo Sorrentino; Mary Schmidt Campbell, decano della New York University’s Tisch School of the Arts; Giulia D’Agnolo Vallan, giornalista curatrice e programmatrice della Mostra del Cinema di Venezia negli USA.

 

È’ con grande orgoglio che Gucci collabora con uno dei festival cinematografici più prestigiosi al mondo, per mettere in luce e celebrare il contributo unico che le donne apportano all’industria cinematografica attraverso una vasta serie di competenze. Per questa occasione, Gucci offrirà ancora una volta una donazione di 25.000 USD al Maurice Kanbar Institute of Film and Television della NYU Tisch School of the Arts, a nome della vincitrice del premio.
Nel 2011, il premio inaugurale Gucci Award for Women in Cinema è stato conferito a Jessica Chastain per il suo ruolo di attrice nel film THE TREE OF LIFE.

 

Frida Giannini ha commentato, “Il mondo del cinema è indissolubilmente legato alla storia di Gucci. Siamo orgogliosi di unire le nostre forze con la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia per celebrare, con il Gucci Award for Women in Cinema, cinque donne dell’industria cinematografica di oggi, e per onorare Francesco Rosi con la proiezione della versione restaurata del suo capolavoro, Il Caso Mattei. Quest’anno è particolarmente rilevante poiché diamo un riconoscimento non solo ai pionieri del cinema contemporaneo, ma anche alla carriera di Rosi e al suo cinema italiano socialmente impegnato”.

 

Il legame di Gucci con il cinema risale agli anni Quaranta e negli ultimi sette anni l’azienda ha concentrato un significativo impegno nel preservare l’arte del cinema attraverso il sodalizio con l’organizzazione di Martin Scorsese “The Film Foundation” per il restauro di film autorevoli e innovativi.
Fino a oggi, Gucci ha donato oltre 2 milioni di USD a The Film Foundation per il restauro di sette pellicole storiche, ed è lieta di estendere questo impegno di tutela del patrimonio culturale e artistico del cinema d’autore attraverso un ulteriore contributo per il restauro di The Mattei Affair / Il Caso Mattei (1972, regia Francesco Rosi).
Ottavo e più recente progetto di restauro, cui ha partecipato anche Eni, il film sarà proiettato in anteprima mondiale quest’anno a Venezia, occasione durante la quale Francesco Rosi sarà premiato con il Leone d’Oro alla Carriera.

 

“Gucci rappresenta un modello esemplare di sostegno nei confronti dell’industria cinematografica. La creazione del Gucci Award for Women in Cinema è un simbolo di grande sensibilità che evidenzia il ruolo crescente della creatività femminile in campo culturale, ma è altrettanto importante notare l’impegno verso il restauro e il patrimonio storico del cinema. E’ un modo concreto per fornire alle giovani generazioni l’opportunità di vedere, nelle migliori condizioni possibili, grandi capolavori che hanno segnato la storia del cinema. Proprio come il film di Francesco Rosi, Il Caso Mattei, rappresenta ancora oggi un modello di rigorosa ricostruzione storica, un impegno etico-politico e di grande valore cinematografico”, ha dichiarato Barbera.

 

Il Caso Mattei è un brillante thriller politico, basato su persone e fatti reali. Il film esplora le ambizioni, i successi e la misteriosa morte del fondatore dell’Eni Enrico Mattei. Il successo di Eni, una compagnia petrolifera statale, è stato considerato una delle ragioni principali del boom economico del dopoguerra in Italia, ma il crescente potere politico di Mattei e la sua visione poco ortodossa gli procurarono molti nemici. Fu ucciso nel 1962 quando il suo aereo privato si schiantò appena fuori Milano. Il maltempo è stato la spiegazione ufficiale, ma sono state ignorate le dichiarazioni dei testimoni oculari che videro un’esplosione in volo, prima che l’aereo precipitasse. Vincitore della Palma d’Oro al Festival di Cannes 1972 (in condivisione con La Classe Operaia va in Paradiso di Elio Petri), il film è stato a lungo patrocinato da Martin Scorsese ed è stato recentemente riscoperto da una nuova generazione, che riconosce ne Il Caso Mattei un’inflessibile denuncia della politica, della società e moralità italiana.

 

Il nuovo restauro digitale 4K, completato presso lo stabilimento di conservazione della Cineteca di Bologna, L’Immagine Ritrovata, usando negativi originali e stampe d’epoca, sarà proiettato in anteprima mondiale il prossimo venerdì 31 agosto. L’Immagine Ritrovata, in collaborazione con The Film Foundation, Paramount Pictures e il Museo Nazionale del Cinema di Torino ha completato il restauro in tempo per commemorare il 40° anniversario dell’uscita del film. Il restauro è stato finanziato da Gucci, Eni e The Film Foundation.


Potrebbe interessarti anche