Arte

Hubert de Givenchy celebra Audrey Hepburn

Rita Bossi
3 dicembre 2016

imagine-editions-to-audrey-with-love-livre

L’attrice più elegante del mondo: così la copertina di una rivista francese descrisse Audrey Hepburn nel 1962. Un’opinione condivisa da molti, a partire dallo stilista Hubert de Givenchy che la scelse come musa e per tutta la vita continuò a creare abiti dedicati a lei. Simbolo di un’eleganza raffinata ed eterna, la Hepburn non è mai stata un’algida modella, ma ha sempre trasmesso calore umano e irradiato simpatia e gioia di vivere.

Il Gemeentemuseum Den Haag dell’Aia le rende ora omaggio con una grande mostra (dal 26 novembre al 26 marzo 2017) intitolata “To Audrey with Love”. Si tratta di una grande retrospettiva del lavoro del couturier francese Hubert de Givenchy, leggenda vivente del 20° secolo, il cui cuore è rappresentato da magnifici abiti da lui firmati e selezionati – alcuni dei quali indossati dalla stessa Audrey Hepburn – schizzi, disegni, fotografie e materiale cinematografico promozionale che riportano in vita lo spirito e la bellezza senza tempo di un patto di amicizia e stile davvero unico. La stessa Audrey dichiarò: “Gli abiti di Givenchy sono gli unici nei quali mi sento a mio agio. Lui è più di uno stilista, è un creatore di personalità“.

  • Hubert de Givenchy, 1961. Ph: Luc Castel; courtesey Maison Givenchy Gemeentemuseum Den Haag

  • Book cover “To Audrey with Love”, Hubert de Givenchy

  • Audrey Hepburn e Hubert de Givenchy a Parigi, 1982. Ph: Jacques Scandelari; courtesy Hubert de Givenchy

  • Audrey Hepburn in “Breakfast at Tiffany’s” (1961). Ph: Mondadori Portfolio; courtesy Hubert de Givenchy

  • Hubert de Givenchy, 1960. Ph: Robert Doisneau; courtesy Hubert de Givenchy

  • Audrey Hepburn per la campagna pubblicitaria de L’Interdit, 1958. Ph: courtesy Hubert de Givenchy

  • Audrey Hepburn in “Breakfast at Tiffany’s”. Ph: George Rinhart/Getty Images

  • Audrey Hepburn in Breakfast at Tiffany’s. Ph: Donaldson Collection/Getty Images

  • Audrey Hepburn. Ph: Ullstein Bild/Getty Image

  • Hubert de Givenchy, 1960. Collezione Gemeentemuseum Den Haag

  • Hubert de Givenchy, 1982, Ph: Luc Castel. Collezione Gemeentemuseum Den Haag

  • Hubert de Givenchy, 1961. Ph: Luc Castel; courtesey Maison Givenchy Gemeentemuseum Den Haag

La mostra è stata curata da Monsieur Givenchy che ha scelto personalmente molte delle sue creazioni preferite, alcune delle quali non sono mai state esposte al pubblico. Una singolare amicizia e una collaborazione professionale quella tra la celebre attrice e lo stilista, nata nel 1953 e durata fino alla scomparsa della Hepburn nel 1993. La diva ha indossato capi firmati Givenchy in alcuni dei suoi film più noti, come “Colazione da Tiffany” e “Come rubare un milione di dollari e vivere felici”.

Per me il ritorno in Olanda rappresenta sempre un momento molto importante – ha dichiarato lo stilista – e lo è ancora di più il presentare la mostra To Audrey with Love, un emozionante tributo a Audrey Hepburn nel Paese dove visse diversi anni e nel grande Gemeentemuseum. Sono convinto che Audrey sarebbe stata molto fiera e felice di questo meraviglioso progetto. Ti amiamo Audrey»


Potrebbe interessarti anche