News

#ICouldHaveBeen: Kering dice no alla violenza sulle donne

Martina D'Amelio
23 novembre 2017

Una campagna per sensibilizzare la generazione Z sulla violenza di genere: Kering Foundation chiama a raccolta gli stilisti del gruppo in occasione della sesta White Ribbon Campaign 2017.

Christopher Kane, Joseph Altuzarra, Stella McCartney, Salma Hayek, Alessandro Michele e Dennis Chan sono i protagonisti dell’iniziativa per immagini #ICouldHaveBeen: i designer uomini si sono lasciati immortalare con il nome che i loro genitori avrebbero scelto nel caso fossero nati femmine. Stella McCartney e l’attrice Salma Hayek (nonché moglie di François-Henri Pinault, proprietario del gruppo) presenziano con il generico “her”.

La speciale campaign si concluderà il 25 novembre, proprio in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Ad essa è stato dedicato un sito, icouldhavebeen.org, per spingere il pubblico a immaginare la propria vita come quella di “her”: quella donna su tre che, nel mondo, è vittima di violenza. Come? Richiedendo a tutti gli uomini di inserire nel sito proprio il nome che avrebbero ricevuto dai genitori se fossero nati femmine. Il generatore comunicherà così il tipo di violenza che avrebbero potuto subire, invitandoli a condividere la loro esperienza sui social con l’hashtag dedicato.

Nascere di sesso femminile non dovrebbe implicare un maggior rischio di subire una violenza, ma purtroppo è la realtà attuale. Questa è una lotta che ci riguarda tutti, che sono fiero di combattere assieme alla Fondazione, le nostre Maison e i loro designer, con la sesta campagna annuale del Fiocco bianco per le donne”, ha commentato François-Henri Pinault, presidente di Kering.

Un’iniziativa lodevole che ci ricorda ancora una volta che tutti avremmo potuto essere “lei”.


Potrebbe interessarti anche