Advertisement
Destinazioni

I mille colori della Turchia

Barbara Micheletto Spadini
7 febbraio 2013

Cultura, ospitalità, calore e cibo sono solo alcuni buoni motivi per regalarsi un viaggio in Turchia.

Istanbul è, senza dubbio, una tappa irrinunciabile di qualsiasi itinerario. Per riassumere la sua storia millenaria ci affidiamo alle parole di Alphonse De Lamartine “Se a un uomo venisse concessa la possibilità di un unico sguardo sul mondo, è Istanbul che dovrebbe guardare”.
Il quartiere di Sultanahmet, cuore della città vecchia e Patrimonio dell’Umanità, riserva molte sorprese: i minareti, le cupole di magnifiche moschee, il palazzo Topkapi, le innumerevoli fontane, i bellissimi hamam.
E’ possibile scoprire il volto più moderno e glamour della città nella piazza Taksim, nel quartiere di Beyoglu con i suoi centri d’arte contemporanea, i locali notturni e i ristoranti alla moda e lungo Istiklal Caddesi, il viale pedonale dello shopping.
Imperdibili Aya Sofya, la Moschea Blu, la Moschea di Solimano, l’atmosfera vivace del Grand Bazaar, la torre di Galata, lo Stretto del Bosforo da attraversare in battello al tramonto.
Dormire: Georges Hotel Galata è un piccolo boutique hotel di lusso, all’interno di un edificio storico nel cuore della città. Le 20 camere di design sono impeccabili. georges.com
Mangiare: Balıkçı Sabahattin ubicato in una casa ottomana di legno restaurata è un locale di extra lusso a Sultanahmet. Il menu comprende eccellenti meze e pesce fresco di prima qualità. balikcisabahattin.com

Fuga in Cappadocia
Questa regione è un labirinto di torri, crepacci, canyon, pinnacoli e castelli rupestri. Quello che si presenta agli occhi di chi raggiunge la Cappadocia, magica regione con al centro le città di Nevsehir, Avanos e Urgup, è un vero e proprio paesaggio fiabesco.
Uno dei panorami da non perdere se vi trovate in Cappadocia è senza ombra di dubbio la vista dei Camini delle fate, formazioni laviche all’interno delle quali si trovano delle meravigliose chiese, decorate con affreschi di età bizantina.
La capitale della Cappadocia, Nevsehir, è una città, ricca di monumenti, tra i quali il Castello Selgiudiche, che si trova sulla cima di una collina e dal quale si gode un ottimo panorama e la Moschea di Kursunlu, un monumento che resterà nel cuore.
La pittoresca cittadina di Avanos sorge sulle rive del Fiume Rosso ed ha un’architettura diversa dal resto del paese che la rende unica e originale. Durante il mese di agosto, in questa città è organizzato il Festival del Turismo e dell’Arte.
Da non perdere: un volo in mongolfiera all’alba.

Le rovine di Efeso
Efeso, una delle località archeologiche più frequentate di tutta la Turchia, è una città costellata di miti e leggende.  Ubicata a 20 km dal porto di Kusadasi, la “Pompei” turca merita una visita per i suoi templi, le botteghe, le case a terrazza, le terme, il grande teatro e l’imponente facciata della biblioteca di Celsius, restaurata in modo eccellente.

Patara, sabbia soffice e paesaggi incontaminati
Famosa per la sua sabbia bianca, Patara è considerata una delle spiagge più spettacolari e suggestive della Turchia, a tal punto da aver ricevuto il riconoscimento di “una delle spiagge più belle del mondo”. Nel periodo tra maggio e settembre le femmine delle tartarughe carretta carretta raggiungono la riva e depositano le uova nella sabbia.
Questa zona offre scenari mozzafiato e chilometri di costa incontaminata.

Barbara Micheletto Spadini


Potrebbe interessarti anche