Destinazioni

Parigi durante la settimana della moda, tra sfilate, bistrot e indirizzi di charme

Barbara Micheletto Spadini
29 settembre 2011

Didier Ludot

Sono oltre 90 le sfilate nel calendario ufficiale della settimana della moda di Parigi e spalmate nell’arco di nove giorni caratterizzati da molte new entry alla direzione stilistica di alcuni dei più importanti brand internazionali.
Ad incuriosire gli addetti ai lavori sono però gli annunci delle maison Dior, in attesa del successore di John Galliano che pare possa essere Marc Jacobs, e Emanuel Ungaro, dove si attende di conoscere chi prenderà il posto di Giles Deacon.
Smentita invece la voce che dava Raf Simons in arrivo chez Yves Saint Laurent in sostituzione di Stefano Pilati.
Altre novità all’ombra della Tour Eiffel il debutto di Manish Arora alla guida di Paco Rabanne, di Olivier Rousteing da Balmain e del duo Ling Liu e Dawei Sun al timone di Cacharel.
In passerella il 2 ottobre invece le nuove collezioni disegnate da Dai Fujiwara per Issey Miyake e da Humberto Leon e Carol Lim, fondatori del concept Opening Ceremony, per Kenzo, mentre il 3 sarà la volta del debutto di Claire Waight Keller da Chloé.
Il 29 settembre segnerà infine il ritorno di Alessandra Facchinetti nel mondo della moda con il lancio del progetto Uniqueness, in tandem con Pietro Negra, patron di Pinko.

Hotel
HOTEL LE A è un incantevole boutique hotel di 26 camere, di cui 9 suite, firmato Fabrice Hyber. “Il solo, il primo, l’unico, le A”. Decisamente à la page.
4 Rue d’Artois
www.paris-hotel-a.com
LE MEURICE 115 stanze e 45 lussuosissime suites. Marmi, arazzi, arredi d’epoca. Atmosfera perfetta, un vero e proprio gioiello per chi cerca un’ospitalità estremamente opulenta e ricercata.
228 Rue de Rivoli
www.lemeurice.com
LE CITIZEN HOTEL é un piccolo albergo di design di gusto scandinavo, nonché il primo albergo a Parigi a proporre in omaggio ai suoi clienti un iPad in tutte le camere. Lo scopo è ecologico: evitare il consumo di carta per i quotidiani, i block notes, la directory, le guide turistiche etc.
96 Quai de Jemmapes
T. + 33 (0)1 83625550
www.lecitizenhotel.com
APOSTROPHE HOTEL è un “poème hotel”, il cui legame con la letteratura è strettissimo. 16 camere dipinte con temi legati al mondo dell’arte.
3 Rue de Chevreuse
T. + 33 (0)1 56543131
www.apostrophe-hotel.com

Lunch/dining
USAGI, ristorante giapponese modaiolo famoso per il salmone marinato nel saké e i sukiyaki di pollo. Fil rouge per il décor del locale il coniglio che, in giapponese, si chiama Usagi.
58, rue de Saintonge
T. +33 (0)1 48872885
www.usagi.fr
KRUNG THEP, fuori dalle mete turistiche, questo piccolo ristorante è un indirizzo prezioso per mangiare ottibo cibo thai.
93 Rue Julien Lacroix
T. +33 (0)1 43 66 83 74
LE PERE CLAUDE, aperto sette giorni su sette, è un punto di riferimento per il business lunch e per cene all’insegna di ottimo cibo. Imperdibile la terrine du père Claude.
51, Avenue de la Motte Picquet
T. + 33 (0)1 47340305
www.lepereclaude.com
CHEZ L’AMI LOUIS, a pochi passi da Place de la République, é un indirizzo da tenere presente per il pollo arrosto, il migliore della ville lumière, ma non solo. Atmosfera da vecchio bistrot.
32 Rue Vertbois
T. + 33 (0)1 48877748
L’AGRUME è un bistrot molto gettonato dai parigini. La cucina è tradizionale, con rivisitazioni raffinate.
15 Rue des Fossés Saint-Marcel
T. + 33 (0)1 43 31 86 48
LE VERRE VOLE’ é un’ottima enoteca con pochi tavoli. Eccellente la selezione di bottiglie biologiche, da abbinare a piatti del territorio.
67 Rue de Lancry
T. + 33 (0)1 48031734

Shopping
ANNICK GOUTAL deliziosa profumeria dai toni rosa pastello.
I profumi di Annick Goutal raccontano grandi storie. “Ce Soir ou Jamais”, “Grand Amour” o “Petite Chérie” sono solo alcuni dei nomi dei profumi che evocano una grande passione di famiglia, trasmessa da Annick alla figlia Camille.
14 rue de Castiglione
T. +33 (0)1 42 60 52 82
www.annickgoutal.com
AESOP, spazio minimalista per questo salone che propone trattamenti di altissima qualità per viso, corpo e capelli che arrivano dall’Australia. Inno al relax assoluto.
20, Rue Bonaparte
T. +33 (0)1 44410219
www.aesop.com
PIERRE HERME’, acquisti golosi per gourmands che arrivano da tutto il mondo in una delle pasticcerie/cioccolaterie più chic della città. Siamo nel cuore di Saint-Germain de Prés. Le code fanno parte del rito dell’acquisto di dolcetti, confitures, cioccolatini e macarons declinati in tutte le sfumature.
72, Rue Bonaparte
T. +33 (0)1 43544777
www.pierreherme.com
COTON DOUX è un indirizzo bizzarro per acquistare le camicie. Il negozio è minuscolo, ma c’è un assortimento davvero per tutti i gusti.
82 Rue St-Louis en l’Ile
www.cotondoux.fr
DIDIER LUDOT si autodefinisce uno spazio nel quale trovare, acquistare e scambiare non solo abiti dei più grandi couturier, ma nel quale dialogare sul lusso. E’ certamente un indirizzo di altissimo livello per capi vintage e abiti haute couture dagli inizi del novecento. Un vero e proprio antiquario di “vêtements de luxe”.
24 Galerie Montpensier
www.didierludot.fr

Barbara Micheletto Spadini

  • Didier Ludot

  • Apostrophe Hotel

  • Citizen Hotel

  • Hotel Le A

  • Hotel Le A

  • Usagi

  • Aesop

  • Annick Goutal

  • Pierre Hermé


Potrebbe interessarti anche