Advertisement
Green

Il bike sharing a flusso libero arriva a Firenze e Milano

Clarissa Monti
4 agosto 2017

Milano e Firenze sempre più green, grazie ad un nuovo sistema di bike sharing a flusso libero: si chiama Mobike e propone un servizio nuovo che elimina gli stalli e il problema della localizzazione e manutenzione delle stazioni per le biciclette.

Nel capoluogo toscano il progetto è già partito, mentre i milanesi dovranno aspettare ottobre per sperimentarlo. “Sono certo – ha detto il sindaco di Milano Beppe Sala – che nella nostra città ci sia lo spazio per un servizio a flusso libero. Ad oggi, il servizio esistente, il nostro Bikemi, vede oltre 60mila abbonati l’anno. In aprile si è toccato il record giornaliero dei prelievi: sono stati quasi 24mila“. L’obiettivo dell’amministrazione cittadina, racconta, “è sempre quello di ridurre il numero delle auto in città. Questo non lo vogliamo fare a colpi di delibere – evidenzia- ma accompagnando il percorso. D’altronde, negli ultimi anni abbiamo assistito a una grande riduzione del ricorso al mezzo privato da parte dei cittadini“.

Il servizio funziona esattamente come il car sharing: per accedere alle biciclette di Mobike basterà scaricare un’app, cercare quella più vicina e saltare in sella.

Le bici hanno un ottimo design, sono realizzate in alluminio e dotate di sellino in pelle e cestino; grazie ai componenti non utilizzabili su altre bici, al gps, alla tessera sim e al lucchetto intelligente che si blocca o sblocca solo tramite l’app furti e danni vengono limitati al massimo.

I prezzi? All’inizio decisamente promozionali per tutti gli abbonamenti (che saranno mensili, trimestrali, semestrali e annuali): la tariffa base per 30 minuti è di 30 centesimi (che diventeranno poi 50), mentre il deposito sarà di solo 1 euro (che si alzerà poi a 50 euro). I pagamenti potranno essere effettuati sia tramite un borsellino elettronico ricaricabile, sia tramite i maggiori circuiti di pagamento (come Mastercard, Visa, American Express). Davvero interessante, infine, l’idea di premiare gli utenti più attenti e partecipi con sconti sulle tariffe, mentre chi non si atterrà alle regole verrà penalizzato.


Potrebbe interessarti anche