Food

Il biscotto si fa salato: i Peanut Butter Cookies

Silvia Farioli
2 giugno 2014

cookingUsa05052014

Oggi una ricetta semplice semplice, ma in puro stile americano: i Peanut Butter Cookies. Io li adoro! Proprio non so resistere a questa crema che subito mi proietta in un classico telefilm made in Usa. Questa ricetta riunisce in sé due degli stereotipi della cucina americana: i classici cookies e l’immancabile burro d’arachidi. Quello che mi piace di più è il gusto leggermente salato che rende questi biscotti davvero unici! Un giusto compromesso tra dolce e salato: ecco i Peanut Butter Cokies.

Ingredienti per 16 cookies:
150 g farina 00
85 g zucchero
70 g zucchero di canna
115 g burro morbido
1 uovo
110 g burro d’arachidi
5 g bicarbonato
Un pizzico di sale

Schermata 2014-06-02 a 12.20.59

Tempo di preparazione: 15 minuti di preparazione + 13 minuti di cottura

Procedimento:
In una ciotola miscelare farina, sale e bicarbonato. A parte montare il burro ammorbidito con lo zucchero e lo zucchero di canna; aggiungere l’uovo e lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Unire il composto di burro alla farina e lavorare bene. Una volta che gli ingredienti si sono ben amalgamati, formare delle palline con l’impasto e disporle su una teglia coperta da carta da forno. Con l’aiuto di una forchetta, schiacciare le palline a mo’ di griglia. Infornare a 180° C per circa 10 minuti fino a quando i biscotti saranno leggermente dorati. Togliere i biscotti dal forno, lasciarli raffreddare quindi servire, magari accompagnati con una confettura di mirtilli.

cookingUsa05052014-1

Silvia Farioli

Silvia Farioli, 27 anni e una passione sfrenata per la pasticceria. Dopo 5 lunghi anni di studi e una laurea in Comunicazione e Organizzazione di eventi, la luce: l’approdo all’Alma – la scuola internazionale di cucina italiana. 7 mesi tra bignè, sfoglie e tartellette, che le hanno conferito il titolo di “Pasticcere professionista”. Curiosa e golosa, è alla continua ricerca di nuovi gusti e sapori con un occhio sempre rivolto alle tendenze della cucina americana.


Potrebbe interessarti anche