Cinema

Il boss degli Oscar promette più diversità

Rose Poivrée
21 gennaio 2016

52nd Annual Publicists Awards Luncheon

Cherly Boone Isaacs, presidente degli Academy Awards, si è detta col “cuore infranto” e “frustrata” a causa della mancanza di diversità tra le nomination per la Notte degli Oscar.
Cheryl, nel rispondere alle polemiche, esplose in seguito all’uscita delle candidature per i migliori attori e attrici dell’anno, ha promesso dei cambiamenti radicali nei criteri da utilizzare nella formulazione delle nomine. Con un comunicato stampa, la Isaacs ha dichiarato: “Colgo l’occasione per ringraziare il lavoro meraviglioso portato avanti dai nominati di quest’anno. Nel celebrare i loro straordinari raggiungimenti professionali, devo però confessare di essere col cuore infranto e frustrata per la mancanza di diversità. Si tratta di un argomento di conversazione difficile ma importante, ed è tempo di cambiamenti. L’Academy prenderà drastiche decisioni per cambiare la composizione della nostra membership. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane condurremo una ricerca sui criteri che vengono utilizzati nella scelta delle nomination, così da aggiungere maggiore diversità nel 2016 e negli anni successivi. Come molti di voi sapranno, abbiamo già apportato dei cambiamenti per diversificare la nostra membership negli ultimi 4 anni. Ma il cambiamento non sta avvenendo con la velocità sperata. Abbiamo bisogno di rafforzare, migliorare e incrementare la diversità con maggiore velocità. La nostra scelta non ha precedenti. Negli Anni ’60 e ’70 si selezionavano solamente membri giovani per rimanere vitali e pertinenti. Nel 2016, il mandato è un mix di genere, razze, etnie e orientamenti sessuali“.
Il comunicato giunge dopo la polemica sollevata dall’attrice Jada Pinkett Smith e dal regista Spike Lee che hanno annunciato il loro forfait alla Notte degli Oscar.
Il presentatore della cerimonia Chris Rock ha definito la consegna della statuetta più ambita di Hollywood come “un affare tra soli bianchi”.


Potrebbe interessarti anche