News

Il Brasile impazzisce per champagne e diamanti: è febbre da lusso

staff
5 luglio 2012

Champagne, anelli di diamanti e orologi di Cartier. Uno scenario ormai consolidato a San Paolo del Brasile, durante l’inaugurazione dell’ultimo centro commerciale specializzato nel lusso con star come la top model Isabeli Fontana che recita la sua parte provando degli orecchini: “Vado pazza per i gioielli”.

Ma non sembra essere la sola in Brasile dove il mercato del lusso l’anno scorso è cresciuto del 20% anche a fronte di un rallentamento dell’economia nazionale. Un impaccio che non sembra frenare gli spendaholic, i drogati dello shopping, del paese.

Curiosamente, infatti, il settore del lusso sta crescendo molto più rapidamente dell’economia globale brasiliana. E questo nonostante i prezzi altissimi generati da tasse d’importazione e di vendita che sfiorano il 100%. Senza contare i robusti margini di profitto.

Resterebbe da chiedersi allora perché i brasiliani non prendono l’aereo per andare a fare spese all’estero. Dimitri Mussard, uno degli eredi della casa di moda Hermès, ha la risposta, alquanto velenosa. “I compratori brasiliani hanno un sacco soldi da spendere ma molti non parlano inglese o francese e sanno che se vanno a Parigi non saranno trattati bene, specialmente a causa dell’arroganza francese”.

I marchi del lusso stanno scoprendo di colpo e con entusiasmo il Brasile. Non offre certo la crescita astronomica della Cina ma il mercato non è saturo come laggiù il che permette un’altissima visibilità per le vetrine dei marchi internazionali più consolidati. Nelle favelas, probabilmente, hanno altri problemi…

Fonte: APCOM


Potrebbe interessarti anche