Leggere insieme

Il catalogo dei giorni

Marina Petruzio
15 luglio 2017

Luca Tortolini & Daniela Tieni con Il catalogo dei giorni pubblicato da KiteEdizioni, catalogano e raccontano con infinita poesia, ognuno col proprio linguaggio, lo sconcerto di alcuni giorni, quell’alternarsi maldestro, sempre improvviso, di stati d’animo mutevoli, destabilizzanti spesso incomprensibili. Quell’essere in balia delle lune, come quella che trattiene tra le braccia la figurina frettolosa, in cappottino giallo sole, disegnata in copertina.

Ci son giorni che non hanno nome, non sono lunedì e neppure giovedì, non hanno mese nè anno, ma neppure anni.

Sono giorni che iniziano così, oppure che cambiano all’improvviso. Giorni in cui si scivola da un umore all’altro, da una emozione a quell’altra. Ci si ritrova così senza un perché. Soprattutto, ci si ritrova.

Se si spera si può sperare che cambi ancora, che muti, chissà magari verso sera…ma se il minuto successivo è astratto, ancora un pianto che nessuno capirà scioglierà l’ansia, racconterà dell’attesa o di quella che gli altri nominano nostalgia.

La vita, raccontano Luca Tortolini & Daniela Tieni, è fatta di giorni: Ci sono giorni…inizia così ogni pagina, giorni di attesa, giorni in cui si va veloci nella speranza di finire e cominciare nuovamente domani con un Ci sono giorni, perché come diceva James Joyce “Ogni vita è molti giorni”.

Così si aspetta qualsiasi cosa che passi, l’autobus o che ritorni la mamma, giorni felici e tristi, giorni ritrovati per caso nei ricordi che arrivano all’improvviso con la forza di emozioni rinnovate. Ci sono giorni caldi in cui si ha freddo, dentro e così anche fuori. E giorni magari freddi scaldati da un’attesa premiata. Altri sono feriti e si trascinano claudicanti concentrati su quel dolore unico, incurabile, al centro di ogni cosa.

Ci sono giorni in cui fai una cosa, ma vorresti farne un’altra, giorni di errori imperdonabili, di poca autostima, e quando son giorni di scuola son difficili da far passare. Ci sono giorni in cui non sei più mio amico o mia amica, o che non vuoi rivedere o rivederla mai più, giorni di addio così come di arrivederci.

Giorni di confine dove da qui tu non passi, oppure giorni in cui metti un punto e tiri una linea. Giorni di bilanci.

Non ci sono bambini in questo albo. Lo leggi e la mente vola a quel periodo della vita in cui sei più sospeso, dove di minuto in minuto le emozioni si susseguono destabilizzanti, innervosenti, a volte celate e irritanti. È l’adolescenza.

Ma tra le righe le generazioni si susseguono tutte, l’attesa della mamma da piccino non genera meno o più instabilità di quell’emozione che serra lo stomaco nell’attesa che torni chi amiamo.

Non cambia, nel momento in cui si vive, rifiutare un amico grande o piccolo che sia, perché un suo giorno ci ha offesi, oltraggiati o messi a disagio.

Ma cambia poter pensare che son giorni, che si susseguono, che abbiamo già vissuto, da più piccoli, e che vivremo da più grandi, quei giorni che sono emozioni lì per lì indecifrabili e che quando si è nel mezzo sono il mondo contro di te, ma che poi si risolveranno in giorni più o meno faticosi, ma che uno dopo l’altro sono la tua vita.

Ma i risguardi già lo raccontavano, il buon viaggio dei giorni che si susseguono, della vita che si compie, delle emozioni che la arricchiscono. Son due sirene gemelle in abito da sera, nero il corpetto e di un rosa basso, saturo, la loro gonna; reggono tra le mani un nastro come la catenella di una borsina da sera, trattengono la luna gialla come il sole che la bacia. Nelle mani di una è piena, nelle mani dell’altra è a spicchio. Ma non importa, sono fasi.

 

Il catalogo dei giorni
Autore & Illustratrice Luca Tortolini & Daniela Tieni
Collana Le Voci
Edito Kite Edizioni
Euro 15
Età di lettura: un albo illustrato per adolescenti, per grandi e per piccoli


Potrebbe interessarti anche