Tech

Il Cristo Redentore atterra a Napoli

Claudia Alongi
9 luglio 2014

Fastweb-Cristo-1web

Una delle sette meraviglie del mondo moderno è stata caricata e scaricata di peso nel cuore della città partenopea al grido di “Downloaded with #FASTWEB”!

Non stiamo delirando, ma parlando dell’ultima novità di FASTWEB, l’azienda leader in Italia nel settore delle connessioni in fibra a banda ultra larga, che anche oggi ha ci ha stupito con un’ingegnosa e divertente iniziativa.

In un mondo sempre più frenetico e dinamico, interconnessione e velocità sono le parole d’ordine: l’UltraFibra di FASTWEB viene in nostro soccorso per offrire servizi sempre migliori.

Effetti collaterali? Beh provate a chiederlo a tutti quei napoletani che stamattina si sono svegliati con un Cristo Redentore in Piazza Dante, alto più di venti metri catapultato direttamente da Rio!

A dimostrazione di come oggi la velocità e l’innovazione possano stemperare i confini tra vita reale e digitale, offrendoci quotidianamente esperienze nuove. Tutto questo è possibile grazie alla connessione sempre più veloce che permette di scaricare e inviare a chiunque ed ovunque in pochi secondi file di qualsiasi dimensione, anche pesanti come una statua di marmo alta 20 metri!

Napoli e Rio, due città così distanti sulla cartina, ma con tanto in comune nel codice genetico: calore, fantasia, esuberanza, energia, vitalità. Due città vitaminiche e in technicolor agli antipodi del pianeta, ma che per un giorno sono unite in un solo luogo grazie alla potenza del download di FASTWEB.

E il download di FASTWEB, insieme al Cristo Redentore porterà con sé anche uno spumeggiante carosello – in puro stile carioca – di troupe televisive, musicisti e ballerini di capoeira che si mischieranno ai passanti di piazza Dante in un mix di colori, musica ed emozioni dall’anima brazil-partenopea.

Anche chi non si trova a Napoli, può seguire in diretta in tempo reale sulle piattaforme social con gli hashtag #FASTWEB e #FASTdownload oppure visitando il sito immaginapuoi.it. Tutto sempre a velocità supersoniche.

Claudia Alongi


Potrebbe interessarti anche