Leggere insieme

Il Fuoco Segreto di Altea: fantasy in ambientazione steampunk per novenni

Marina Petruzio
6 luglio 2014

3129-Sovra.indd

La Regina di Keola è la terza avventura della serie fantasy per bambini di 9 anni Il Fuoco Segreto di Altea di Isabel Harper per Piemme Edizioni.
Certo, parlarne dal terzo libro è un po’ particolare ma anche questa saga è particolare, a partire dalll’autrice Isabel Harper che non è una ma sono due ed anche marito e moglie, Isabella e Marco, che scrivono dividendosi il lavoro e poi scambiandoselo per arricchirlo e completarlo.

L’avventura ha inizio quando, nel lontano primo libro, la fiamma magica che alimenta il mondo di Altea scompare. Saranno i prescelti Ailan e Marill, due ragazzi poco più che bambini, a condurre l’impresa mirabolante alla ricerca del Prisma Stellato, il prezioso scrigno in cui è racchiusa la preziosa fiamma di Altea, il quale però necessita di una chiave divisa in tre parti per essere aperto.
Avventura che li vede lasciare Altea alla volta di Keola, ma per mare una forte tempesta li sorprende e l’isola che raggiungeranno dopo mille peripezie sarà Vjnlan, l’arcipelago del vento.
Ma la missione è Keola, così dice il dislocatore Dedalus, e dunque i due ragazzi si troveranno ad evadere prima da una prigione poi dall’isola, ma non prima di aver lottato contro mostri volanti, sciamani scontrosi ed ogni sorta di popolo nemico.
Ailan e Marill avranno ovviamente la meglio – come sempre e giustamente il bene vince sul male – ma a caro prezzo: Ailan nel tentativo di liberare la fiamma aprendo il Prisma con la chiave incompleta rimane accecato dalla fonte di luce che ne scaturisce. Ora recarsi a Keola è assolutamente necessario, e siamo nel terzo libro, sia per ritrovare la parte mancante della chiave sia per cercare di incontrare Ta Yan, lo spirito verde che ha il potere di curare le creature della foresta e l’unico a poter guarire gli occhi di Ailan…ma Marill non sa che un terzo occhio li segue molto da vicino, una noce rossa che il terribile Vimperion è riuscito a trapiantarle nella fronte e grazie alla quale riesce a sapere sempre dove si trovano i ragazzi…

Le storie fantasy sono ricche di colpi di scena, ad alto contenuto magico ed avventuroso sono il naturale prolungamento di quelle belle favole che crescendo non bastano più ed aiutano a restare in quel mondo lì, favoloso, che li ha accompagnati sino a ieri.
La differenza tra fantasy e fantasy è data dalla grandezza dei luoghi e dalla bellezza intrigante dei personaggi ed in Altea ce ne sono di divertenti!!
A partire dal Bazar delle Meraviglie, una strana bottega in perfetto stile steampunk, ricca di mille oggetti bizzarri, marchingegni, macchine fantastiche più o meno pericolose: sono le Invenzioni Dimenticate che il vecchio e stravagante Dedalus ha raccolto e conservato.
Come il gabbiano di rame, un grosso automa metallico pennuto che si accende pigiando un bottone in madreperla bordato d’ottone posto sotto le piume del dorso e che si anima da un pannello di controllo ricco di pulsanti, manopole, manometri, e quando la pressione arriva a far muovere le lancette di questi ultimi il pennuto è pronto a…prendere il volo!!
Ma la vera particolarità del Bazar è la possibilità di muoversi: a mezzo di enormi travi di acciaio che, come gambe possenti in bronzo e ottone, unite da snodi meccanici ed azionate da un complicato sistema di stantuffi e ingranaggi grazie alla potenza del vapore, possono spostare la Bottega all’occorrenza; e sempre all’occorrenza e sempre tramite i suddetti ingranaggi e meccanismi possono ritirare le possenti zampe e diventare nave per solcare anche i mari più burrascosi.
Poi ci sono i Pestaduro, animali un po’ preistorici un po’ fantastici, con pelle corazzata e placche ossee lungo il dorso ed un enorme osso piatto sul muso. Un animaletto assolutamente pacifico che ama le mele ma…non lanciatelo al galoppo!!
I Narcotteri o Dormelle Anchilosanti poi sono animaletti paffuti e alati non più grossi di una noce, apparentemente innocui ronzano come calabroni e si nutrono del polline delle orchidee viola ma…ne esistono di due tipi: il primo uccide il secondo paralizza solo un attimino…

Il mondo è magico e molto popolato, solido perché tutto è fatto di metalli ed ingranaggi, fumoso perché ogni macchina è mossa a vapore, insidioso ed estremamente avventuroso, un luogo dove non sottovalutare le vecchiette, dove stare attenti alle loro borse e…che cosa fanno e a che cosa servono i graziosi e morbidi Tenerilli lo lascio scoprire ai lettori!!
In attesa del quarto ed ultimo, ma sarà vero che…?
Della stessa serie Gli Arconti Ombra e Il Tesoro di Vjnlan.

Marina Petruzio

Il Fuoco segreto di Altea – La Regina di Keola
di Isabel Harper Illustrato da Silvia Bigolin
www.isabelharper.it
Ed.: Edizioni Piemme
www.battelloavapore.it
Euro: 16,00
Età di lettura: dai 9 anni


Potrebbe interessarti anche