Lifestyle

Il lusso russo sulla Piazza Rossa

staff
8 febbraio 2012


Il GUM (Magazzino Universale Statale), capolavoro d’architettura della fine del diciannovesimo secolo, è un immenso edificio che sorge ad est della Piazza Rossa, davanti al mausoleo di Lenin e di fianco alla chiesa di San Basilico. La storia del luogo risale al 1500, quando si impose come centro per gli scambi commerciali della città; fu però nel 1890 che lo zar Nicola II ne decretò la costruzione, a spese della gilda dei commercianti. L’inaugurazione avvenne tre anni dopo. Da quel momento il GUM è diventato uno dei simboli della capitale, suscettibile agli umori delle varie epoche e scenario esemplare di grandi trasformazioni: da spartano simbolo dell’URSS nel ’53 – sotto il controllo del governo, con scarsa quantità di merci e infinite code – ad impresa privata nel 1990 e, infine, ai giorni nostri, immenso centro dello shopping del lusso internazionale.

Tre gallerie coperte, per tre piani d’altezza, su una superficie di ben 80.000 metri quadrati. Grandioso, monumentale, assolutamente splendido, il GUM ospita una miriade di boutique e di negozi, raccogliendo le più note griffe della moda e del luxury internazionale. Ma il GUM è qualcosa di più di un centro commerciale: è una piccola metropoli, un mondo a sè stante, che comprende anche banche, bar, ristoranti, fiorai, un cinema, una galleria d’arte, una sala per eventi culturali e politici, e addirittura un supermercato, con tipici prodotti russi e sovietici.
La sua architettura moderna ma allo stesso tempo dall’inestimabile valore storico, la vastità nella scelta, lo sfarzo e la comodità rendono questa imponente struttura un’imperdibile meta del turismo di tutto il mondo, il cuore pulsante di una grande metropoli quale Mosca. Da 2006, inoltre, l’inverno sulla Piazza Rossa è reso ancora più speciale dalla presenza di una magnifica pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Le fredde stagioni russe nel GUM si tingono di entusiasmo e di magia, grazie alle numerose iniziative promosse: concerti jazz con musicisti vestiti da Babbo Natale, vetrine dal design ultra moderno, ghirlande e luci spettacolari, alberelli di natale sponsorizzati dalle grandi firme del lusso, come Emporio Armani, Etro, Dior, Hermes, Bosco Ciliegi (marchio tipicamente russo), Longines, Vertu, Veuve Cliquot.
Insomma, un tripudio di eleganza e sofisticatezza, in un’atmosfera magica, assolutamente favolosa.
Se poi ci si sofferma su qualche considerazione estemporanea, la combinazione storica è singolare: da simbolo sovietico il GUM è passato a fulcro di un capitalismo sfrenato e vorace, dove solo i russi più ricchi possono andare a soddisfare la loro fame.

 

Il negozio è aperto ogni giorno dalle 10.00 alle 22.00

 

Leda Natasha Giulini


www.gum.ru


Potrebbe interessarti anche