News

Il mercato immobiliare soffre a Milano

staff
12 agosto 2013

milano-immobili

Non sembra cessare la discesa dei prezzi su un mercato immobiliare solitamente molto ambito come quello milanese: secondo le rilevazioni della Camera di Commercio-Osmi, sul primo semestre del 2013 le quotazioni hanno subito una contrazione dal 3% al 3,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (dello stesso avviso anche Nomisma che parla di un calo del 3,5%).

A veder scendere il loro valore sono anche le case di nuova costruzione in classe A, B e C, che hanno perso il 2,9% nel corso di un anno, e in particolar modo gli immobili di minor pregio e nelle zone periferiche della metropoli lombarda.

Continuano a tenere meglio le abitazioni usate, preferibilmente di recente costruzione, ristrutturate e di pregio.

Stabile il centro città, dove il mercato rimane però rallentato a causa della poca offerta rispetto alla domanda, in quanto molti proprietari preferiscono aspettare tempi migliori piuttosto che vendere a prezzi ribassati.

A trainare le richieste a Milano sono attualmente i bilocali fino a 200.000 euro, da acquistare senza mutuo, e le abitazioni di fascia medio-alta che si aggirano sugli 800.000 euro, con un ritorno di interesse sulle piccole metrature da mettere a reddito.

Sul fronte degli affitti permane una richiesta sostenuta – in particolar modo per i bilocali -, ma le trattative si allungano e sono in media di 3-4 mesi, vedendo così scendere i canoni del 6,8% nel primo semestre dell’anno.


Potrebbe interessarti anche