News

Il NYC Ballet e Opening Ceremony insieme in nome della libertà

Flaminia Scarpino
3 febbraio 2017

Moda, danza e impegno sociale:  questi gli ingredienti che hanno animato lo show firmato Opening Ceremony per la presentazione della Action Capsule del marchio, esattamente 12 giorni prima dell’inizio della New York Fashion Week.

Il brand ha voluto infatti che la collezione fosse interpretata non dai suoi modelli su una tradizionale passerella, bensì dagli eccellenti danzatori del New York City Ballet su un palcoscenico teatrale.  L’Action Capsule è stata protagonista del balletto politicoThe times are racing” coreografato da Justin Peck e interpretato dai performer della compagnia, che hanno danzato con indosso i capi della collezione, segnati da slogan politici e sociali come “Defy”, “Protest”, “Unity” e “Fight”.

Noi li chiamiamo parole d’azione – ha detto il designer Humberto Leon – con tutti questi ragazzi incredibili sul palco, si trattava di responsabilizzare i giovani e dare una voce giovanile. Quei pezzi sono stati pensati per essere questo invito all’azione, l’idea di dare la libertà di ogni individuo“.

Dopo l’ordine esecutivo firmato da Donald Trump, che vieta l’accesso negli USA ai cittadini musulmani, Carol Lim e Humberto Leon non potevano scegliere momento migliore per sensibilizzare il popolo americano a temi quali la libertà, il potere della protesta, la difesa delle minoranze, ma soprattutto l’unione e la solidarietà.

A segno che moda e impegno civile possono ancora andare di pari passo.

  • Unite Hoodie

  • Defy Cropped Hoodie

  • Shout Short-Sleeve Tee

  • Change Tank

  • Fight Hoodie

  • Protest Hoodie

  • Act Thank


Potrebbe interessarti anche