Lifestyle

Il padiglione Coca-Cola di Expo diventa un campo da basket

Federico Turrisi
11 ottobre 2016

Durante i mesi di Expo 2015 aveva ospitato oltre 400mila visitatori; a meno di un anno dal termine della manifestazione, il padiglione Coca Cola cambia pelle e si trasforma in un campo da basket all’interno del parco Robinson, in viale Famagosta, periferia sud di Milano. Si tratta del primo playground coperto a disposizione di tutti i cittadini nel capoluogo meneghino. A tagliare il nastro lo scorso 3 ottobre il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, insieme all’assessore al Turismo, Sport e Tempo libero Roberta Guaineri e al direttore generale di Coca Cola Italia Evguenia Stoitchkova. Ospiti d’onore in occasione dell’inaugurazione della struttura la ginnasta Carlotta Ferlito, il nuotatore Luca Dotto e il portiere della nazionale di pallanuoto maschile Stefano Tempesti.

e1ovk4bx4596-kvib-u1090963920226ylg-1024x576lastampa-it

Il progetto che ha portato alla realizzazione di questo nuovo spazio a disposizione della comunità si propone come un esempio di sostenibilità ambientale, grazie anche all’utilizzo di materiali eco-compatibili. Non casuale la scelta di costruire un campo sportivo, segno tangibile dello sforzo compiuto dalla multinazionale americana nel promuovere uno stile di vita attivo, soprattutto tra i più giovani. Il sindaco Sala ha espresso soddisfazione per l’iniziativa: “È la dimostrazione che Expo continua a dare benefici alla città. La nostra filosofia è quella di andare sempre alla ricerca di una fruttuosa collaborazione fra pubblico e privato e la creazione di questo campo sportivo costituisce un passo in avanti nel lavoro, promosso dal Comune di Milano, di miglioramento delle periferie”.


Potrebbe interessarti anche