Leggere insieme

Il Posto Giusto, qual è il posto giusto dove stare?

Marina Petruzio
6 dicembre 2014

il-posto-giusto_copertina

Il posto giusto di Beatrice Masini, illustrato da Simona Mulazzani per Carthusia Edizioni,
è un albo molto particolare. Unisce una storia semplice, accessibile ai piccoli come ai più grandi, che nonostante la sua semplicità e proprio grazie a questa vengono invitati a profonde riflessioni sull’idea di casa, a grandi illustrazioni popolate da molta natura, foglie, alberi, erbe profumate e molte specie animali facilmente riconoscibili dai più piccoli.

Scoiattolo si sveglia dopo un lungo sonno. Tutt’attorno è buio. Un po’ a disagio per il disordine, l’oscurità e l’odore di chiuso della sua tana, comincia a domandarsi: “Qual è il posto giusto dove stare?”. E nonostante un’insistente vocetta dentro di lui lo esorti a rimanere nella sua tana e a considerarla proprio ciò che pensa di dover cercare, decide di chiedere in giro.
Molte e molto diverse le risposte che riceverà. Picchio: buchi. Buchi, buchi. Tartaruga: Sotto. Cincia: un nido. Un nido protetto da tutti i venti. Talpa: Dentro. Civetta: Sopra. Per vedere e sapere bisogna stare sopra.
Messe assieme tutte le voci, il piccolo scoiattolo rimane perplesso. Il posto giusto è:
un posto che sia sopra ma anche sotto, che abbia buchi e gallerie, che sia un nido, che abbia un dentro…esiste un posto così? Un posto che sia tutti questi posti?
Un sogno! Bisognava proprio progettarlo un posto così e anche costruirlo!
Un albero, un grande albero con radici fonde per donare stabilità, accogliente, con spazi speciali, lunghi e larghi rami per abbracciare tutti.
Un grande albero dove ci sia tutto, ma proprio tutto: nidi al riparo dal vento, posti da buio e posti da luce, posti sotto e posti sopra…come piaceva a ciascuno.

Il posto giusto è dove si sta insieme, dove si condivide, ci si aiuta, dove c’è solidarietà e buon cibo che mette in accordo tutti, un grande momento di convivialità che unisce, che crea conoscenza e dà calore, quello di cui l’anima ha bisogno. Dove Scoiattolo, Picchio, Tartaruga, Cincia, Talpa e Civetta con i loro piccoli e altri amici possono stare tutti insieme e non sentirsi mai soli.
Ecco cosa c’era di poco confortevole in quella vecchia tana: eravamo da soli! Casa invece è il luogo dove non ci si sente mai soli!

Un albo universale per raccontare una casa, un luogo di cura. Senza parlare di malattia ma di solidarietà, di aiuto e comprensione.
La prima casa è la mamma, la seconda è quella dove il bambino sente di “essere” per la prima volta circondato da sentimenti e legami, dove imparerà a muoversi da solo e per il mondo, dove troverà le ragioni per mettersi in viaggio come scoiattolo ed imparerà ad affrontare tutto, un tutto diverso da lui e dalla sua casa, un tutto che comprende anche la malattia.
Una casa lontano da casa, questo è il grande albero di Scoiattolo, queste sono le case che la Fondazione Ronald McDonald in quindici anni di attività costruisce e gestisce come strutture di accoglienza a supporto degli ospedali pediatrici, ma soprattutto come case dove la famiglia possa stare insieme e sentirsi protetta ed accolta nel periodo critico delle cure e dove possa trovare altre famiglie con le quali condividere, confrontarsi ed instaurare relazioni di aiuto e solidarietà.

Una bella storia da raccontare, leggere e rileggere, una storia per riflettere ed aiutare, una storia da mettere sotto l’albero perché parte del ricavato sarà devoluta a favore del finanziamento di nuovi progetti della Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald.

Marina Petruzio

Il posto giusto
di Beatrice Masini illustrato da Simona Mulazzani
Collana: Grandi Storie al Quadrato
Ed.: Carthusia Edizioni in collaborazione con Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald
www.carthusiaedizioni.it
www.fondazioneronald.it
Euro: 19,90
Età di lettura: per tutti


Potrebbe interessarti anche