Please come in

Il Principe dell’arcobaleno

staff
14 febbraio 2013

Di volto in volto, di corpo in corpo, per la gioia e la luce degli occhi, per la nuova sorprendente bellezza del viso.
Artista dell’estetica applicata sulla pelle di donne e uomini, Damien Dufresne è uno dei più grandi make up artist e truccatori oggi esistenti, un creativo a largo raggio che è difficile rinchiudere nelle parole.

Da Parigi a New York, passando per Milano e Seoul, Damien Dufresne crea e inventa colori, pennelli e trucchi per Case di Cosmetica Internazionali. La linea di pennelli che porta il suo nome rappresenta il top di gamma nel settore e riassume i suoi i vent’anni di trucco, centinaia di visi e di corpi dipinti, migliaia di colori, rossetti, ombretti creati per case come L’Oréal Recherche Conception, L’Oréal Innovation Couleurs Paris, Intercos Image, Hera International.

Vita e lavoro per lui sono una cosa sola e la sua casa non fa differenza.
Damien vive nel quartiere Arcueil, nella parte sud di Parigi, in uno grande spazio aperto su due livelli. Qui si vive, si mangia, si dipinge, si fotografa, si dorme e si inventano i trucchi della vita. Qui si esiste 24 ore su 24, tutto parla il linguaggio della creatività e tutto è fonte di ispirazione per l’artista dei colori.
La sua casa è un decoro permanente, una sorta di set spontaneo in cui Damien dopo aver dipinto i corpi e truccato i visi scatta lui stesso le immagini fotografiche, per immettere nella foto l’identico sguardo e la stessa forza che ha impresso sulla pelle.
Spirito libero e gentile, ma di carattere forte, passa con tranquillità dalla bellezza femminile a quella maschile e attraverso il trucco mette in risalto parti del corpo umano, disvelandole in colori e materie inusuali.

Frequentatore dei mercatini delle pulci, raccoglie oggetti di poco conto e apparentemente normali così come acquista opere di alto artigianato o di antiquariato. Nicchie e mensole, tavoli e sedie, angoli di giardino e davanzali, catturati dall’occhio sensibile del fotografo Matthias Parillaud, ci raccontano una casa atelier e uno studio abitato in cui frammenti di natura e cosmesi vivono in armonia reciproca.
Gli arredi e i mobili degli anni ’30-’40 dialogano con quelli degli anni  ’70-’80, circondati da sculture e profumi, specchi e fiori, dipinti e libri. Con saggezza Damien Dufresne lascia invecchiare bouquet di fiori, dai quali poi ruba le tinte e si ispira, o raccoglie campioni ceramici e frammenti di colore provenienti da altri mondi.

La sua casa è raramente vuota, la solitudine non è la sua musa. Anche mentre lavora o sta preparando uno shooting per clienti internazionali non lascia fuori gli amici e per tutti c’è sempre qualcosa da mangiare e un calice di champagne. Non ha segreti e non esclude. Non ha invidie o gelosie, ama condividere e far partecipare gli altri al suo successo ed anche per questo è un frutto raro. È un uomo fortunato, un uomo nobile, il principe dell’arcobaleno.

Foto Matthias Parillaud www.photomatthias.com
Servizio realizzato da Chiara Fantig www.boisderosemantica.com
Trucco e foto beauty by Damien Dufresne www.damiendufresne.com


Potrebbe interessarti anche