Advertisement
Food

Il Protagonista: il Rock Chives Cress

staff
31 marzo 2012

Il rock chives cress è una varietà di erba cipollina proveniente dalle regioni montagnose del Sud Est Asiatico.

In Cina, in particolare, viene ampiamente utilizzato per il suo sapore delicato, ma persistente. Infatti, una delle principali caratteristiche è il sapore agliaceo non presente in altre varietà di erba cipollina.

Ma l’uso di questa piantina edula in ambito culinario non è confinato al solo ruolo di ingrediente. Il suo simpatico aspetto, caratterizzato da lunghe e sottili foglie verdi sulle quali spuntano semini neri, la rende altresì un’ottima guarnizione da proporre in moltissimi piatti. Il suo sapore si sposa egregiamente sia con le ricette più complesse, come quelle a base di pesce o come le zuppe di verdura, sia con quelle più semplici, come gli stuzzichini da aperitivo. Una ricetta velocissima, ma di grande effetto per gli ospiti, è ad esempio quella dei crostini serviti caldi, leggermente spalmati di paté d’oca e perfezionati dal tocco finale: alcune foglioline di rock chives cress. Inoltre, questa straordinaria varietà di erba cipollina è davvero ottima se utilizzata nei secondi piatti, come le omelette o, come suggerito dallo straordinario chef Francesco Apreda, con le uova al pomodoro e carbone di melanzane per dare un tocco di originalità e colore.

Per quanto riguarda la preparazione di questa particolare piantina, si suggerisce di proporla in tavola esclusivamente fresca. La sua struttura infatti è troppo delicata perché possa essere cotta, anche se può essere leggermente sbollentata.

Oltre alla varietà rock chives esistono numerose varietà di cress: dall’affilla cress, il cui sapore si avvicina molto a quello del pisello dolce e il cui aspetto è decisamente scenografico, al daikon cress, dall’aspetto molto meno appariscente, ma dal sapore sorprendentemente piccante, allo scarlet cress originario del Sud America e dall’inconfondibile colore rosso violaceo.

Insomma, un’infinita gamma di erbette con le quali sbizzarrirsi e sorprendere i propri ospiti. Chi l’ha detto che la cucina sana non possa essere anche divertente, scenografica e molto molto gustosa?

 

Giorgia Assensi

 


Potrebbe interessarti anche