Food

Il Protagonista: La Soia

staff
5 novembre 2011


La soia è una pianta proveniente dalla Cina e dal Giappone, formata da foglie trifogliate, grappoli di fiori violetti o bianchi e baccelli con semi oleosi. Ne esistono due varietà: gialla, la più diffusa, e nera, di difficile reperibilità in quanto il suo commercio è limitato quasi esclusivamente alle zone di produzione. La soia è inoltre un alimento straordinario. Possiede infatti, un elevato contenuto proteico e lipidico e importanti effetti benefici. L’assunzione di questa pianta infatti, riduce notevolmente il colesterolo, l’osteoporosi e problemi circolatori.
La storia di questa pianta poi, è tanto antica quanto affascinante. Originaria della Manciuria, la soia, anticamente chiamata “Ta Teou”, ovvero “grande fagiolo”, venne coltivata per la prima volta in estremo Oriente più di 5.000 anni fa e, proprio per le sue innumerevoli qualità, durante la dinastia Chou, venne noverata tra le cinque piante definite sacre (le altre quattro erano il riso, il frumento, l’orzo e il miglio).
E indovinate chi fu il primo europeo che entrò in contatto con la soia? Proprio un italiano, anzi, più precisamente un fiorentino di nome Francesco Carletti, che nel 1597, in visita nella città giapponese di Nagasaki, descrisse il miso, noto condimento derivato dai semi della soia gialla.
Successivamente, i commercianti olandesi iniziarono ad importare la salsa di soia in Francia su richiesta di Luigi XIV, il Re Sole, che usava utilizzarla come condimento nei celeberrimi e sontuosissimi banchetti di Palazzo. Inizialmente, quindi, la soia venne considerata un alimento da destinarsi alle classi più privilegiate, un esotismo accessibile solo a pochi, una raffinata prelibatezza riservate alle tavole più ricche.
Solo alla fine del 1600, la soia divenne un articolo regolarmente commercializzato dall’Asia orientale in Europa. Oggi, la soia è un alimento molto diffuso in tutto il mondo, dal quale si ottengono numerosissimi prodotti non solo in ambito culinario, ma anche in quello cosmetico. Diverse sostanze contenute nella soia infatti, migliorano l’elasticità della pelle e contrastano gli effetti dell’invecchiamento.
E allora, come non dare ragione alla saggezza popolare giapponese? Un noto proverbio, infatti, recita: “Miso sae areba”, ovvero: “Tutto va bene finché c’è il miso”.

 

Giorgia Assensi


Potrebbe interessarti anche