Food

Il Protagonista: Le Fragole

staff
14 aprile 2012

La fragola, simbolo per eccellenza della stagione primaverile ed estiva, è l’omonimo frutto di una pianta perenne di origine europea, asiatica e americana, appartenente al genere Fragaria.
Nonostante sia difficile da credere, le fragole sono un falso frutto. Infatti, se da un punto di vista nutrizionale possono essere considerate tali, dal punto di vista botanico non lo sono affatto: i frutti veri e propri sono i cosiddetti acheni, ossia i semini gialli che si vedono sulla superficie della fragola.
Sin dall’antichità, le fragole erano conosciute e apprezzate per il loro sapore dolce e le loro proprietà nutritive, essendo tanto ricche di vitamina C quanto un’arancia. In particolare, i romani erano grandi estimatori delle fragole, e proprio per la loro profumazione intensa, le chiamarono fragrans, ovvero fragranza.
I romani amavano degustarle durante le festività che venivano celebrate in onore del dio Adone. Secondo la leggenda, alla sua morte, Venere pianse copiose lacrime, che una volta cadute a terra si trasformarono in piccoli cuori rossi, ovvero fragole dal sapore dolce come l’amore della dea per Adone.
La progenitrice della fragola si trova, nella sua forma spontanea, nei boschi di bassa montagna: è la fragolina di bosco, una pianta di piccole dimensioni con frutti molto profumati; mentre il frutto che siamo abituati a mangiare oggi possiede origini molto antiche: la prima varietà coltivata risale agli inizi del Settecento in Francia. In quel periodo, Frézier, un giovane navigatore francese appassionato di botanica, ritornò dal Cile portando con sé la specie indigena di fragola da cui derivano tutte le varietà coltivate oggi: la Fragaria Chiloensis.
Attualmente, le specie coltivate – soprattutto in serra – e commercializzate sono molte e diversificate. Tra le più rinomate ricordiamo la Fragaria Virginiana, originaria del sud degli Stati Uniti e la Fragaria Ovalis, originaria delle Isole Kurili.
Sebbene ve ne siano molte, tutte le varietà di fragole sono estremamente salutari. Possiedono, infatti, proprietà diuretiche, calmanti e depurative. Le fragole hanno anche un potere antinfiammatorio e contengono polifenoli che difendono l’organismo dai radicali liberi, inibiscono il colesterolo cattivo e proteggono l’apparato cardiocircolatorio. Inoltre, se tagliate a metà e strofinate sulla pelle, alleviano il bruciore delle scottature, purificano la pelle e contrastano l’insorgere delle rughe.
Insomma, oltre che essere gustose e profumate, le fragole sono un vero e proprio toccasana. Non resta che gustarle nei diversi e infiniti modi in cui si possono cucinare: da quello più semplice, ovvero condite solo con un po’ di limone e zucchero, a quello più elaborato ed elegante come suggerito chef Massimo Livan nella ricetta di questa settimana. Il risultato sarà sempre strepitoso!

 

Giorgia Assensi


Potrebbe interessarti anche