Green

Il TGV e i gelsomini di Grasse: il progetto che minaccia Chanel N°5

Alessandra Buscemi
16 dicembre 2016

2

Sono passati più di novant’anni da quando Coco Chanel ridefinì il concetto di femminilità con Chanel N°5, forse il più famoso profumo della storia. Per realizzarlo servono ottanta ingredienti. Il più importante è il gelsomino. Jasminum è un genere di piante appartenente alla famiglia Oleaceae. Esistono circa 200 specie arbustive e rampicanti che raggiungono fino i 4-6 metri. Le più note e coltivate sono il Gelsomino comune, il Gelsomino di Spagna, il Gelsomino trifogliato e il Gelsomino marzolino. I fiori sono comunemente piccoli e di colore bianco, ma esistono anche specie i cui fiori hanno sfumature di rosa sulla pagina inferiore dei petali.

3

Il gelsomino di Coco è speciale, ed è la nota che il chimico Ernest Beaux selezionò per lei nel creare un’essenza che fosse unica e lontana dai profumi stucchevoli dell’epoca. Cosa lo rende davvero speciale? La sua provenienza, naturalmente: Grasse, la città dei fiori e dei profumi per eccellenza. Ci si arriva in soli 20 minuti da Cannes, nel Sud della Francia. Solo una manciata di chilometri per beneficiare del magnifico clima riverasco e del paesaggio spettacolare.

Ed è proprio qui, alle spalle di Cannes, in Provenza, tra campi di lavanda e violette che la società ferroviaria statale francese, SNCF avrebbe il progetto di costruire una nuova linea Tgv, i treni francesi ad alta velocità, mettendo così a rischio le pregiate coltivazioni di fiori utilizzati per realizzare l’iconico profumo Chanel N°5.

1

Nonostante l’alto numero di turisti, la Costa Azzurra infatti non è ben servita a livello ferroviario. Il tempo di percorrenza da Parigi a Nizza è di circa sei ore. La Maison dunque potrebbe dover lasciare Grasse: “La costruzione di un viadotto e il regolare passaggio di treni sopra le coltivazioni costringerà Chanel a interrompere il suo supporto alle attività artigianali della regione”, ha spiegato in una nota ufficiale, aggiungendo che “la qualità dei fiori coltivati nella regione è unica ed eccezionale”.

Non si tratta di una questione da poco, e non si tratta nemmeno di pura ecologia: dietro alle considerazioni di Chanel per il nuovo progetto del Tgv francese c’è anche la sopravvivenza di una zona, quella della valle della Siagne, molto pittoresca e profumata, c’è il lavoro agli agricoltori che coltivano ettari a gelsomini. Restiamo in attesa di sviluppi: tgv o la storia del profumo in una boccetta?


Potrebbe interessarti anche