Fashion

Il vento di scirocco porta nuove tendenze moda

staff
7 novembre 2012

Il vento di scirocco porta nuove tendenze moda
Il mese scorso abbiamo parlato del dilagante fenomeno Cina, ora affrontiamo gli Emirati Arabi dove cultura e tradizione si stanno avvicinando con discrezione al mondo della moda.
Un’influenza sull’Occidente decisamente più celata, anzi direi proprio velata, ma siamo comunque riusciti a scovare alcuni spunti interessanti.
Quando pensiamo al mondo arabo pensiamo a caftani, turbanti, pantaloni harem, foulard, e chilometriche sciarpe per coprire viso e capelli.

L’eccentrico Jeremy Scott ha sentenziato: “La primavera Araba può essere un momento di moda”. E proprio sulla base di questo motto ha voluto proporre una collezione P/E 2013, rifacendosi allo sfarzo della cultura araba: blu, oro, nero, marrone, stampe maculate, burka paillettati, il tutto declinato in una versione sporty-chic tipica del brand.

Ancora richiami per le gemelle Olsen, che nella collezione Resort 2013 di The Row colorano il caftano di un magnifico viola purpureo e per Diane Von Furstenberg che dona a questo capo una nota quasi da safari. Emilio Pucci mescola influenze pizzicate dall’Oriente, riprendendo motivi cinesi e giapponesi con uno spiccato riferimento alle sagome e alle strutture tipiche del mondo arabo: caftani mini e maxi, maniche ampie e voluminose, forme over, tessuti operati, ricami preziosi e sete stampate dai colori sgargianti.

Anche i gioielli sono contaminati da questa nuova ventata che vuole dare sfogo ad una esplosione di creatività. Kurshuni presenta in chiave rivisitata la mano di Fatima, l’occhio di Maometto e l’albero della vita, simboli preziosi di una cultura antica ancora legata alla tradizione. Raksha rappresenta con maestria dei bijoux utilizzando materiali semi preziosi applicati a tecniche senza tempo. Un fenomeno nuovo, curioso, ricco di spunti d’interesse, quello degli Emirati Arabi che oggi si stanno affacciando in maniera sempre più promettente nell’universo della grande Moda. Attendiamo con interesse gli stimoli, le iniziative che questa nuova area saprà trasmetterci.

Beatrice Repossi


Potrebbe interessarti anche