Advertisement
Leggere insieme

Io aspetto

Marina Petruzio
21 novembre 2015

Schermata 2015-11-18 alle 17.35.03

È lungo e stretto, Io aspetto di Davide Calì, illustrato da Serge Bloch.

Pubblicato in Francia da Editions Sarbacane nel 2005 e in Italia da Emme Edizioni l’anno successivo, dopo 300.000 copie vendute, innumerevoli premi e riconoscimenti e nove anni di grande vuoto, torna nelle librerie grazie a Kite Edizioni, tenuto a battesimo da Elisabetta Cremaschi.

Ricorda una busta il formato del libro. L’indirizzo, un bambino, tra le sue mani un piccolo filo rosso.

Una lettera voluminosa che arriva inaspettata, un timbro di priorità alta, un francobollo e dentro una vita, più vite, quelle dei bambini a cui verrà letta o che leggeranno, che accosteranno nel loro immaginifico piccoli frammenti, un gomitolo di sensazioni, emozioni in divenire.

In poche ed essenziali parole, il vissuto di ognuno si affaccerà così dipanato, condiviso ad ogni voltar di pagina: c’ero anch’io, anch’io l’ho vissuto, anch’io ho aspettato, anch’io aspetto!, ma ti ricordi l’attesa? a volte la fatica, che bei momenti! Una vita.

IMG_2932

Tutto in un attimo, scena dopo scena, frammenti amorosi, veloci tocchi su corde sopite.

117 parole, non una in più, quelle scritte; infinite quelle espresse in un grande silenzio e nel sorriso di chi, leggendo come guardando, si ritrova in quell’attesa, in quelle 25 illustrazioni, brevi appunti legati da un semplice filo. Un filo rosso.

Sembra voler sparire veloce dalla pagina, come tirato dall’altro capo, l’ultima di copertina che solo un po’ più ampia sporge dalle pagine, continuando quel filo ci porta a spostar la nostra attenzione, a chiudere e girare per seguire quel rosso sul filo della vita.

Io aspetto…di crescere è un bambino che tira il filo rosso, un filo così lungo, mettendoci tutta la forza, l’energia, la caparbietà di cui è capace e che esprime nell’affrontare i suoi piccoli, grandi giorni. I mostri delle sue paure, il toro inferocito della sua rabbia, la felicità nel gioco del tiro alla fune, l’amore trepidante in quell’attesa al buio con la porta socchiusa quando aspetta…il bacio della buonanotte.

Quel nastrino rosso tra i capelli della mamma, particolare così insignificante che porterà con sé nei suoi giorni, per tutta la vita, quando ricorderà l’emozione dell’attesa di vederla arrivare, seduto a tavola nella posizione migliore che conosce, piccolo scambio di gesti che fanno grande un momento qualsiasi:…che il dolce sia pronto.

IMG_2931

L’attesa si fa dunque momento imprescindibile nel concatenarsi delle azioni, nell’accadere delle cose e negli attimi successivi si diventa grandi, nell’attesa si traccia la nostra vita, si crea quel percorso che è come un filo rosso, nulla si perde, tutto è lì, tracciato.

Così quel filo che era fiocco diventa festone quando aspetto …che venga Natale e sono piccolo. È il vagare disordinato nel bosco della vita quando aspetto …l’amore; è quel segno distintivo quando …aspetto di rivederla e sono un po’ più grande; è il cordone ombelicale quando Io aspetto…di sapere se è maschio o femmina; è arrotolato, ingarbugliato, girato su sé stesso, quando è rosso di rabbia e le emozioni in subbuglio si susseguono veloci quando aspetto…che sia l’altro a chiedere scusa, e sono uomo.

IMG_2933

È una sottile speranza che mi lega a te, compagna di una vita quando aspetto…che il medico dica: “Non è niente.” e che si infrange nell’attesa…che lei smetta di soffrire.

Poi da grandi grandi l’attesa si fa paziente, ma non già meno carica di emozione, di forza quando si aspetta…che suonino alla porta, …che mi dicano che prestò nascerà un nuovo bambino, filzuolino rosso nella pancia di una nuova mamma in attesa di crescere e poi di quel bacio, quello della buonanotte.

Ti racconto la mia vita e te l’affido la lascio nelle tue mani, a te che sei disegnato in copertina, a te bambino o bambina che riceverai in dono la mia attesa, perché è anche un po’ la tua. La condividiamo, è strada fatta insieme e quando vorrai la potrai sfogliare. Io aspetto…

IMG_2930

Io aspetto
di Davide Calì illustrato da Serge Bloch
www.davidecali.com
www.sergebloch.net
www.gavrocheblog.blogspot.it
Collana: Albi illustrati
Editore: Kite Edizioni
www.kiteedizioni.it
Euro: 15,00
Età di lettura: dai 5 anni ai 99 anni


Potrebbe interessarti anche