Leggere insieme

Io & Charlie, quando ad arrivare in famiglia è un fratello peloso

Marina Petruzio
14 dicembre 2014

Io & Charlie

Io & Charlie di Amy Hest, illustrato da Helen Oxenbury per LO editions è un piccolo capolavoro di dolcezza e cura sin dai risguardi, dalla prima illustrazione dove un cane giallo seduto sulla sua coda ci mostra le sue rotondità di cucciolo e pur senza vederne il muso ne percepiamo la dolcezza, il punto morbido dietro le orecchie abbandonate, lunghe, lungo la testa.
Un libro dei ricordi dal sapore un po’ retrò, un Caro Diario dove le illustrazioni, a matita ed acquarello, sono come foto bordate e appoggiate su una pagina a piccoli decori.

L’arrivo di un cucciolo di cane è un momento indimenticabile e quando è un bimbo a desiderarlo l’attesa si carica di infinita poesia, diventa un momento quasi spirituale, non c’è nessuno che si prenda così seriamente cura di un essere più piccolo di un bambino, nessuno che lo sappia fare con così tanta pazienza, dedizione, serietà ed infinito sincero affetto.
Dall’avvolgerlo nella copertina di quando era piccolo e prenderlo in braccio e sentire le proprie braccia forti, come quelle di papà, per non fargli prender freddo e con estrema cautela camminare nella neve attento a non scivolare e cadere per non spaventarlo, al presentargli solennemente la casa, mostrandogli tutte le stanze, raccontandogli dei posti più nascosti, condividendo dei segreti per fargli capire che quella da oggi è anche casa sua. Il preparare un letto comodo, con morbidi cuscini, scegliendo accuratamente il posto: sotto il tavolo della cucina dove passa il tubo dell’acqua calda e le piastrelle sono più calde! Lasciandogli poi il proprio vecchio orso, quello senza il quale era impossibile addormentarsi, il suo amico, per lasciargli un pezzettino di sé, un po’ del proprio odore ed una piccola sveglia che con il suo ticchettio sembri un cuore speciale: quello della sua mamma.
Perché Charlie, così si chiama il cucciolo, Charlie Korn è là che deve dormire, in cucina.
Charlie dorme in cucina – hanno detto mamma e papà e sono stati irremovibili.
Mentre Henry, Henry Korn, pensava a Charlie da solo in cucina ogni notte per sempre…
Al piano inferiore, in cucina…così lontano dalle camere di ognuno, mostrate e descritte con cura a Charlie affinché imparasse a riconoscerle e a sentirle un po’ sue…

marina

Chiunque abbia avuto un cane può immaginarsi come finisce questa notte, la prima notte di Charlie a casa: chi dormirà dove e chi, al mattino, non sarà necessariamente al suo posto. Gli altri, coloro che non conoscono la gioia di avere un cucciolo finalmente tutto per sé, continueranno a pensare che un cane deve dormire da solo in cucina ed un bimbo così amoroso da solo in camera sua…tutte le notti per sempre.

Una bellissima storia da far trovare sotto l’albero, nel momento più magico e dolce dell’anno.
Una storia per ricordare ancora una volta che un bimbo cresciuto con gentilezza e cura sarà una piccola persona ancor prima che un adulto, gentile e capace di relazioni profonde.

Marina Petruzio

Io & Charlie
di Amy Hest illustrato da Helen Oxenbury
Traduzione: Paola Gallerani
Ed.: LO Editions
www.LO-ed.com
Euro: 14,00.
Età di lettura: per tutti.

Ti è piaciuto? Potrebbe interessarti anche: http://www.luukmagazine.com/di-cuccioli-umani-e-di-cuccioli-cani/


Potrebbe interessarti anche