News

Italia e Cina firmano un accordo sulla moda

staff
28 marzo 2011


E’ stato sottoscritto ieri, domenica 27 febbraio, a Pechino un memorandum d’intesa tra la Camera Nazionale della Moda Italiana e la consorella cinese, China Fashion Association e China Fashion Week.
Erano presenti il Vice Presidente del China National Textile and Apparel Council, Mr Chen Shujin e i Presidenti di tutte le associazioni delle piu’ importanti aziende cinesi.
Da parte italiana, l’Ambasciatore d’Italia a Pechino Attilio Massimo Iannucci e il Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana Mario Boselli.
L’accordo e’ stato firmato da Pauline Su, Presidente della China Fashion Association, e dal Cav. Lav. Boselli.
Questo accordo, che fa seguito a quello che la Camera Nazionale della Moda italiana ha firmato in Francia nel giugno 2000, imprimendo una svolta significativa alle relazioni bilaterali nel campo della moda, rappresenta un ulteriore, importante passaggio, ancor più innovativo e lungimirante, per l’avvenire del settore.
Gli ambienti della moda in Cina e in Italia, che nel passato si collocavano su posizioni contrapposte, hanno deciso, dopo aver valutato l’andamento dei mercati in un mondo globalizzato, di stipulare questa forte alleanza all’insegna della complementarietà tra due sistemi.
“Sono particolarmente lieto – ha affermato l’Ambasciatore Attilio Massimo Iannucci nel suo intervento – di constatare quanto il settore italiano della moda sia riuscito a interpretare in maniera strategica le potenzialità del mercato cinese, guardando alla Cina non come un’opportunità di delocalizzazione, ma come un Paese in forte crescita, in cui costruire alleanze con i grandi gruppi cinesi”.
Da parte sua il Presidente Boselli ha dichiarato di essere molto soddisfatto dell’accordo che “segna un’innovativa alleanza tra i due veri e grandi ‘sarti’ del mondo: l’Italia, per le produzioni dell’alto di gamma, che costituiscono il vertice della piramide, e la Cina, che con le sue produzioni su larga scala, ne costituiscono l’ampia base”.
Italia e Cina realizzeranno incontri periodici sul monitoraggio dei mercati e sulla cooperazione nel campo della formazione professionale e in quello culturale.
Scambieranno dati economici e utili informazioni per promuovere investimenti strategici e sviluppare gli affari.
I due Paesi saranno alleati nello sviluppo di una visione e di una strategia comune globale, in coerenza con le specifiche caratteristiche delle filiere tessile-abbigliamento-moda dei due rispettivi sistemi e nel rispetto delle condizioni di base sulla proprietà intellettuale e industriale.
L’accordo favorirà inoltre l’ospitalità reciproca e la partecipazione di stilisti e imprese, italiane e cinesi, a fiere, missioni commerciali e altri eventi promozionali che si svolgeranno a Milano e a Pechino, al fine di facilitare I rapporti commerciali e la penetrazione delle aziende italiane in Cina.
“L’obiettivo principale dell’accordo – ha sottolineato Boselli – è quello di rafforzare la leadership di entrambi i sistemi-moda, ognuno nei rispettivi ambiti di attività.”

Luca Micheletto


Potrebbe interessarti anche